AreaC e i giovedì dello shopping

Valutazione attuale:  / 2

Sui quotidiani di oggi sono apparsi alcuni articoli in cui si accenna nuovamente all'ipotesi di istituire una giornata settimanale di apertura anticipata al traffico in AreaC:

http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/12_agosto_22/areac-ipotesi-abbonamento-residenti-settembre-sospensione-2111523503667.shtml

http://milano.repubblica.it/cronaca/2012/08/22/news/musei_banche_e_uffici_aperti_per_le_notti_bianche_di_area_c-41287186/

Il commento di Eugenio Galli, presidente di Ciclobby:

L'ipotesi dei "giovedì dello shopping" è intrinsecamente sbagliata epericolosa.
Sbagliata, perché parte dal presupposto che, per fare shopping, occorra usare l'auto (semmai si dovrebbe in quei giorni estendere AreaC fino a notte, con un rinforzo eccezionale dei mezzi pubblici, dimostrando che è possibile un modo diverso di vivere la città).
Pericolosa
, perché si insinua nel provvedimento (AreaC) come un cavallo di Troia e rischia di comprometterne la stabilità, ritorcendosi in suo danno. Così è per ogni eccezione che non sia chiara e ben motivata, anche giuridicamente, costituendo vizi di logicità e coerenza del provvedimento. Lo abbiamo detto da subito alla giunta e ribadito ogni volta agli assessoridella partita. Anche insieme alle altre associazioni ambientaliste.

A noi AreaC sta molto a cuore. A differenza, per quel che leggo, dei vari Buongiardino. Apprezzo molto le parole chiare degli assessori Bisconti e D'Alfonso: non sia quella dei giovedì una iniziativa dal sapore risarcitorio (anche se questo è stato senza dubbio il vizio d'origine della proposta). Però queste criticità restano. Ed è bene metterle in conto prima, per non doversene pentire poi.

Fine ingloriosa di una iniziativa lodevole?

Valutazione attuale:  / 0

E' dei giorni scorsi la notizia di un sostanziale fallimento della iniziativa di marchiatura antifurto avviata dalla Provincia di Milano in occasione della prima Giornata nazionale della Bicicletta (8 maggio 2011): MiBici Sicura.
Così sintetizzava, lo scorso 8 agosto, il quotidiano la Repubblica: «La Provincia voleva creare un'anagrafe delle due ruote. Mai arrivati i kit tecnici alle forze dell'ordine. I rivenditori: "Il sistema non funziona e soprattutto non lo conosce nessuno"». [link all'articolo]

Sia consentito un commento a caldo.
Questo purtroppo è ciò che succede quando si vuole perseguire un risultato unicamente per spenderlo a fini politici, utilizzandolo come una bandiera, in assenza di una attenzione reale ai contenuti concreti. Senza un coinvolgimento esteso; senza una visione strategica, un'informazione diffusa, una possibilità di controllo trasparente. Rischiando così di far fallire un progetto che riguarda invece un problema molto sentito dai ciclisti: quello del contrasto al furto delle bici.
Lo ripetiamo ancora: non basta la concessione di un patrocinio o un'iniziativa estemporanea per fare delle buone politiche per la mobilità ciclistica. Il tempo delle improvvisazioni dovrebbe essere terminato.

Lombardia in Bici 2012

Valutazione attuale:  / 1

Con Fiab scopri le bellezze della Lombardia

LombardiainBici 2012 è la seconda bicistaffetta organizzata da FIAB Coordinamento Lombardia con l'obbiettivo di promuovere il territorio lombardo e le sue molteplici eccellenze.

Si intendesostenere e sollecitare la completa realizzazione del Piano Regionale della Mobilità Ciclistica della Regione Lombardia, importante strumento di pianificazione strategica di una rete ciclabile regionale.

LombardiainBici 2012 si  inserisce nel programma della Settimana Europea  della Mobilità, un contenitore di eventi nel quale FIAB, Federazione Italiana Amici della Bicicletta promuove l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano o per lo svago, per la salute e per il rispetto dell’ambiente.
                              
LombardiainBici 2012 partirà venerdì 28-9 in treno+bici da Milano, per sottolineare l'importanza dell'intermodalità bici e mezzi pubblici, e  seguirà gli itinerari regionali tra Varese, il lago di Lugano e il Parco del Ticino, toccando Ponte Tresa, Sesto Calende, Somma Lombardo, Cardano al Campo e Abbiategrasso. Si percorreranno prevalentemente piste ciclabili o strade secondarie non trafficate, con soste di ristoro e incontri con le autorità locali.

Per info: FIAB Coordinamento Lombardia, Giulietta Pagliaccio:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - tel. 02-60.73.79.94

La pagina web con il programma.

Programma completo (volantino in pdf)

 

 

 

Comunicato congiunto delle associazioni ambientaliste su Area C

Valutazione attuale:  / 0

Ciclobby - Fondo Ambiente Italiano - Genitori Anti Smog- Legambiente Lombardia - WWF Lombardia

Area C

Le associazioni milanesi chiedono al comune di reagire con immediate misure per far fronte all'emergenza traffico

A settembre parte la campagna di educazione civica per gli automobilisti: In centro non c'entro!

Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un garagista del centro di Milano e ha disposto la sospensione dell'ordinanza che ha istituto Area C. Superato lo sconcerto iniziale, le associazioni - che si sono costituite nel procedimento per difendere il provvedimento del Comune di Milano - precisano che la motivazione sulla base della quale il Consiglio di Stato ha sospeso l'applicazione di Area C si ricollega ad una ipotetica carenza pianificatoria del Comune di Milano, che dovrà essere valutata nel merito e che, se del caso, potrà essere sanata ci auguriamo in tempi rapidi. L'interesse economico nel provvedimento viene citato solo allo scopo di riconoscere al ricorrente l'interesse ad agire in giudizio, e non per attribuire allo stesso un valore prevalente rispetto a quello generale. Ciò non toglie che consideriamo grave che in sede cautelare si sia omessa una valutazione degli interessi in gioco e della prevalenza del diritto alla salute, che è motivo fondante del provvedimento sospeso.

Lavori in corso

Valutazione attuale:  / 0

Questa è la versione provvisoria del nuovo sito.

Come già comunicato nelle scorse settimane, abbiamo dovuto abbandonare il vecchio sito a causa di un attacco informatico che impediva di continuarne l'utilizzo.

Tutta una serie di funzionalità a cui eravamo, ed eravate, abituati non sono più disponibili.
Vi chiediamo quindi di essere pazienti, nelle prossime settimane ripristineremo tutto meglio di prima!

Nel frattempo abbiamo abilitato una versione meno colorata del Calendario. Nonostante ciò il nuovo calendario ha alcuni vantaggi che permettono di muoversi tra gite e appuntamenti più agevolmente.

Potete continuare a consultare il vecchio sito cliccando qui.

Nel vecchio sito purtroppo non funzionano una lunga serie di moduli che servivano per inserire informazioni di vario tipo:

  • il modulo per contattare la segreteria
  • il modulo per i pagamenti tramite bonifico o paypal (comunicate i dati via email ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. )
  • il modulo per gli annunci
  • i moduli per l'inserimento di gite e appuntamenti (organizzatori e capigita sono invitati a contattare la segreteria e la coordinatrice di cicloturismo per nuovi inserimenti e modifiche)

Sempre nel vecchio sito molte pagine vengono visualizzate in maniera incorretta o incompleta.
Il Calendario non viene più aggiornato, fate riferimento a quello presente nella nuova versione del sito.
In caso di dubbi contattate la segreteria.

Twitter