Avviso

A partire dal 1º marzo 2021 per l'apertura della sede e della segreteria e per la partecipazione alle attività cicloturistiche e ai giri cittadini fare riferimento allo schema qui sotto.

LOMBARDIA IN ZONA ROSSA
La sede è chiusa al pubblico
È possibile contattare la segreteria via telefono allo 02 69311624 il martedì e il mercoledì dalle 16 alle 19.
Attività cicloturistiche, giri cittadini e attività in sede sono sospese.

LOMBARDIA IN ZONA ARANCIONE
La sede è aperta al pubblico il martedì e il mercoledì dalle 16 alle 19.
L'accesso è soggetto alle regole di distanziamento.
Negli stessi giorni e orari è possibile contattare la segreteria via telefono: 02 69311624.
Attività cicloturistiche, giri cittadini e attività in sede sono sospese.

LOMBARDIA IN ZONA  GIALLA
La sede è aperta al pubblico il martedì e il mercoledì dalle 16 alle 19.
L'accesso è soggetto alle regole di distanziamento.
Negli stessi giorni e orari è possibile contattare la segreteria via telefono: 02 69311624.
Attività cicloturistiche e giri cittadini si svolgono regolarmente, le attività in sede sono sospese.

La segreteria è comunque raggiungibile via email segreteria@ciclobby.it.
Puoi iscriverti o rinnovare la tessera per il 2021 online con Paypal o carta di credito oppure con bonifico bancario alla pagina: http://www.ciclobby.it/cms/diventa-socio/come-iscriversi

Per la partecipazione alle attività si faccia riferimento al seguente articolo per le norme di comportamento: Norme attività di FIAB Milano Ciclobby


 

Articoli

Stampa

Se il buongiorno si vede dal mattino...

Scritto da Super User. Postato in Flash

Gravi ed irresponsabili dichiarazioni del nuovo sottosegretario all'Ambiente, Marco Flavio Cirillo

 Gravi ed irresponsabili sono le dichiarazioni del sottosegretario all'Ambiente, Marco Flavio Cirillo, che, fresco di nomina nel Governo Letta, non ha trovato di meglio che sparare su Area C, definendola uno specchietto per le allodole, e affermando che il suo «sarà un ambientalismo non ideologico e non demagogico», che «Area C esiste soltanto per fare cassa» e che «l'obiettivo dichiarato dalla Ztl, l'abbattimento del Pm10, non è stato raggiunto».
Difficile concentrare in poche righe tante sciocchezze.
Fra l'altro, l'obiettivo primario di Area C non era l'abbattimento del Pm10 (pollution) bensì della congestion, cioè del traffico: in questo senso i numeri parlano chiaro e descrivono una realtà assai diversa da quella suggerita dall'ex sindaco di Basiglio, che evidentemente nutre una avversione politica, ideologica e demagogica per la misura adottata dal Comune di Milano, contro la quale aveva anche mosso azioni giudiziarie già respinte dai giudici competenti.

Occorre però che qualcuno ricordi al sottosegretario Cirillo che intanto in questo momento non rappresenta il piccolo Comune di Basiglio, ma l'intero Paese, dovendo comportarsi di conseguenza.
E ci sembra particolarmente grave che questo rappresentante del Governo abbia fatto simili dichiarazioni proprio mentre a Milano si stava svolgendo la manifestazione nazionale per la #Mobilità Nuova, sostenuta da circa duecento associazioni e soggetti vari, che ha unito per la prima volta pedoni, ciclisti e utenti del trasporto pubblico: circa cinquantamila persone giunte nel capoluogo lombardo per chiedere al nostro Paese, con determinazione e in modo pacifico, di cambiare strada in fatto di mobilità sostenibile.

Ora, quindi, oltre allo scoramento che tali dichiarazioni generano in molti cittadini, viene da domandarsi quale seguito dare a queste affermazioni, che appaiono fra l'altro a una distanza siderale da qualsiasi interpretazione del recente responso elettorale.
In nome di un principio di responsabilità politica, sarebbe già lecito chiedere l'immediato allontanamento di simili personalità dalla scena del Governo appena insediato.
Diciamo che, se il buongiorno si vede dal mattino, questo non è un buon giorno.

Eugenio Galli (responsabile Servizio legale FIAB e presidente Fiab Ciclobby Milano)