Parcheggio bici coperto MM3 Comasina

Scritto da Super User Creato il .

Valutazione attuale:  / 0

E' stato aperto il parcheggio bici coperto presso la stazione MM3 Comasina.

Il parcheggio è aperto tutti i giorni dalle 7 alle 22. Non è custodito ma video-sorvegliato.

Qui sotto alcune foto realizzate dal nostro socio Danilo Fullin.

 

Vedi sulla mappa.

Ora tocca ai ciclisti ed ai pendolari della zona cominciare ad usarlo!

PUMS: le osservazioni delle associazioni ambientaliste

Scritto da Super User Creato il .

Valutazione attuale:  / 1
   

FIAB Milano Ciclobby, Genitori Antismog e Legambiente Lombardia presentano
le osservazioni al Piano urbano della mobilità sostenibile

Forte regolamentazione della sosta e lotta all'abusivismo, limitazioni a moto e motorini
e revisione dell'approccio alla ciclabilità, le richieste delle associazioni

e inoltre
Pedonalizzazione di Corso Buenos Aires e Corso Vercelli e la trasformazione in giardini pensili del cavalcavia Serra-Monteceneri e Corvetto

FIAB Milano Ciclobby, Genitori Antismog e Legambiente Lombardia scendono in campo in merito al PUMS, il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile di Milano: ovvero, la strategia che l'amministrazione cittadina dovrebbe approvare, a breve, per definire azioni di governo e priorità infrastrutturali in materia di mobilità pubblica e privata dei milanesi e di tutti coloro che utilizzano lo spazio urbano per i loro spostamenti.

Le osservazioni, che ciascuna associazione ha già presentato indipendentemente all'amministrazione comunale nell'ambito della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS), muovono da angolature differenti - FIAB Ciclobby maggiormente incentrata sulla mobilità e la ciclabilità, Genitori Antismog con focus sull'inquinamento dell'aria e la qualità della vita, Legambiente Lombardia sui trasporti e la dimensione metropolitana - ma guardano, come sottolineato anche dai tre presidenti – Eugenio Galli, Marco Ferrari e Damiano Di Simine - tutte nella stessa direzione, giudicando positivamente il PUMS, ma chiedendo che sia più coraggioso e determinato.

Di SimineIn particolare, in relazione alle indicazioni del Piano sulla politica della sosta, le associazioni chiedono all'amministrazione di eliminare l'uso gratuito dello spazio pubblico per la sosta su tutto il territorio urbano, eliminando quindi anche il privilegio dei residenti, e limitando gli spazi di sosta su strada, ai fini di un più razionale utilizzo dei parcheggi in struttura, oggi molto sottoutilizzati soprattutto per quanto riguarda i posti auto a rotazione. Inoltre, i marciapiedi, i parterre dei viali alberati e tutte quelle situazioni dove oggi la sosta è abusiva ma "tollerata" vanno restituiti alle persone e alla città «Tali misure possono conseguire effetti anche più importanti – sottolinea il presidente di Legambiente Lombardia Damiano Di Simineoltre che maggiormente distribuiti, in termini di riduzione del traffico, rispetto alla sola estensione di Area C, ma occorre da subito una chiara volontà da parte della politica ed una profonda azione di modifica di abitudini ormai consolidate a ritenere il suolo pubblico come un territorio semplicemente a disposizione per la sosta veicolare, anche con un forte irrigidimento di controlli e sanzioni».

FerrariUn altro tabù che il PUMS deve affrontare in modo più incisivo è quello relativo alle moto e ai motorini. I Genitori Antismog hanno presentato diversi studi che evidenziano come, a parità di chilometri percorsi, moto e motorini possono risultare più inquinanti rispetto alle auto. Non si ravvede quindi l'esigenza di incentivare questa forma modale di trasporto, anche in misura maggiore rispetto alle biciclette. «Chiediamo che moto e motorini vengano equiparati alle automobili – interviene Marco Ferrari, presidente dei Genitori Antismog – quindi prevedendo forme di tariffazione per l'accesso ad Area C, il divieto di transito sulle corsie preferenziali e l'eliminazione degli stalli sui marciapiedi riconvertendoli in rastrelliere per bici».

Sul tema della ciclabilità il PUMS delude sia sul piano quantitativo, sia su quello qualitativo. Negli obiettivi numerici, il Piano prevede una crescita modesta in 10 anni (dal 5,7% al 7,1%); inoltre, esso ripete con insistenza l'enfasi sulle soluzioni "infrastrutturate" (le piste ciclabili in sede protetta) come strumento prioritario per lo sviluppo della ciclabilità, pur affermando che queste portano implicitamente alla frammentazione dei percorsi a causa di "attività commerciali e consegne di merci, domanda di sosta, flussi pedonali e linee del trasporto pubblico locale" – e così dimenticando che la prima e più importante questione che le azioni per la difesa e diffusione della mobilità ciclistica urbana devono saper affrontare è quella della costruzione di un contesto generale "amico" della bicicletta. Grande rilevanza, ai fini della sicurezza delle utenze vulnerabili, e quindi anche per favorire lo sviluppo della Mobilità Nuova, riveste in tal senso il tema della velocità del traffico.

Galli«A maggior ragione in una situazione di risorse scarse e con la complessità di una città come Milano, una simile insistenza sulle soluzioni infrastrutturate ci sembra riduttiva e pericolosa. Se il capitolo sulla ciclabilità non viene profondamente rivisto, il PUMS rischia di essere un'occasione persa per affrontare finalmente in modo organico il tema della mobilità ciclabile – afferma Eugenio Galli, presidente di FIAB Ciclobby – mancando anche ciò che chiediamo ormai dal 2006: un vero biciplan che avvicini Milano alle esperienze più virtuose di città italiane ed europee in cui oltre un terzo degli spostamenti urbani avviene in sella a una bici».

Genitori Antismog e Legambiente chiedono infine che il PUMS preveda dei progetti di pedonalizzazione che siano anche delle avanguardie della trasformazione urbana in atto: far diventare i corsi Buenos Aires e Vercelli centri commerciali naturali, chiudendoli al traffico, e trasformare i cavalcavia Serra-Monteceneri e Corvetto in giardini pensili «A significare l'inizio di un percorso culturale che ci porterebbe, nei prossimi decenni, ad archiviare il periodo storico della città ostaggio dell'automobile, conservando tali cavalcavia come testimonianze di un'epoca che ha fatto parte della storia di Milano, ma – come ogni periodo storico – si è conclusa ed è stata superata dalle evoluzioni avvenute nelle tecnologie, nei servizi e nei comportamenti dei cittadini».

Video dei 3 interventi (vedi su Youtube)

Per approfondimenti sugli ulteriori temi affrontati dalle osservazioni al PUMS si rimanda ai testi completi presentati dalle singole associazioni

Contatti

FIAB Milano CiclobbyEugenio Galli, presidente – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Genitori Antismog - Marco Ferrari, presidente – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Legambiente LombardiaDamiano Di Simine, presidente – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Approfondimenti

Fiab Milano Ciclobby http://www.ciclobby.it/cms/servizi/download/category/12-progettazione-della-mobilita-sostenibile?download=44:osservazioni-e-contributi-al-documento-pums-piano-urbano-della-mobilita-sostenibile
Genitori Antismog
documento completo: http://www.genitoriantismog.it/sites/default/files/Osservazioni_PUMS_GAS_completo.pdf
schede riassuntive: http://www.genitoriantismog.it/sites/default/files/Osservazioni_PUMS_GAS_schede.pdfLegambiente Lombardia http://lombardia.legambiente.it/sites/default/files/docs/osservazioni_pums.pdf

Trenitalia - FIAB: agevolazioni per le bici in treno e tavolo di lavoro

Scritto da Super User Creato il .

Valutazione attuale:  / 0
treno+bici

Sottoscritta tra FIAB e Trenitalia una nuova convenzione, che sostituisce quella siglata nel 1999, che oltre a sancire condizioni, tariffe e agevolazioni per il trasporto delle bici a bordo dei treni, conferma l'impegno di "costituire un gruppo di lavoro misto e permanente, che avrà l'obiettivo di elaborare e promuovere nuove iniziative per lo sviluppo dell'intermodalità fra treno e bicicletta". (Continua sul sito FIAB)

Altre informazioni sul servizio treno+bici: http://www.ciclobby.it/cms/servizi/servizi-per-ciclisti/263-bici-in-treno

Proposta di legge quadro sulla mobilità ciclistica

Scritto da Super User Creato il .

Valutazione attuale:  / 0

Il 14 febbraio 2014 a Roma, a Montecitorio, nell'ambito di un seminario nazionale FIAB organizzato in collaborazione con il Gruppo interparlamentare per la Mobilità Ciclistica coordinato dall'on. Paolo Gandolfi è stato presentato il testo di una nuova proposta di legge nazionale sulla ciclabilità nel nostro Paese... (continua sul sito FIAB)

Twitter

ECF

RT @DCPoliceDept: Don’t park your car/stop in the bike lane to make a delivery. Don’t pull into the bike lane just for a minute. /7066 http…

by ECF

ECF

Famous Dutch obsession with bicycles pays off - Cycling prevents 11 000 deaths each yer and raises life expectancy: http://t.co/d3ZxpTVZHb

by ECF

Federico Del Prete

La #bicicletta è arrivata ormai allo zenit, è divinizzata. Se Giove avesse ancora autorità, la collocherebbe tra le costellazioni (Savinio)

by Federico Del Prete