Piccoli #BICIttadini crescono

Scritto da Super User Creato il .

Valutazione attuale:  / 1

 

Un esperimento riuscito di comunicazione "positiva" riguardo all'uso della bici.

Tutte le migliori esperienze in materia di ciclabilità ci dicono che oltre al miglioramento fisico delle infrastrutture stradali, e in particolare di quelle dedicate alla bicicletta, il segreto del successo sta nella promozione e nella comunicazione "positiva" riguardo all'uso della bici. Le amministrazioni virtuose hanno sempre investito una fetta considerevole dei budget a disposizione per realizzare campagne di comunicazione in appoggio alla realizzazione degli interventi.

Per la prima volta anche a Milano si è voluto intraprendere questa strada con il progetto #BICIttadini. Promosso dall'Assessorato alla Mobilità e Ambiente del Comune di Milano e coordinato da Amat (Agenzia Mobilità Ambiente Territorio), questo lavoro, grazie al finanziamento della Fondazione Cariplo, ha proprio cercato di unire la realizzazione e la sistemazione di due infrastrutture per la ciclabilità lungo due itinerari periferia-centro con la promozione di stili di vita legati alla mobilità sostenibile.

La scelta del target è stata da subito chiara: ci si è rivolti ai bambini e ragazzi delle scuole primarie e secondarie di I grado, in una fascia di età fra i 9 e 13 anni. Questa scelta si basa sulla convinzione che il cambio culturale possa avvenire solo sensibilizzando le nuove generazioni, ma anche che, rivolgendosi agli utenti più deboli della strada, si potessero "contagiare" i genitori nello sviluppare comportamenti virtuosi.

Il progetto cerca quindi di unire la parte "fisica" con la sistemazione, lo sviluppo e la segnalazione dei due itinerari centro-periferia, da Piazzale Maciachini ad Affori a Nord e da Porta Romana all'Abbazia di Chiaravalle a Sud , con la parte "culturale", attraverso il coinvolgimento di dieci scuole, individuate lungo i percorsi, con più di 800 fra bambini e ragazzi chiamati a partecipare ad attività di promozione dell'uso della bici.

L'idea, sicuramente ambiziosa, ci è piaciuta subito e ha visto quindi il coinvolgimento di FIAB Milano Ciclobby soprattutto nelle attività didattiche, nella quale si è potuto mettere a frutto l'esperienza già fatta negli ultimi anni in molti complessi scolastici di Milano e provincia dal nostro gruppo-scuola, oltre a sviluppare nuove attività.

Siamo partiti subito coinvolgendo le famiglie attraverso incontri preparatori con i genitori alla presenza di uno psicologo e di un pediatra che hanno illustrato i benefici dell'uso della bicicletta, sia dal punto di vista dello sviluppo fisico, sia nel campo delle relazioni sociali e nella formazione e affermazione della personalità dei ragazzi. Negli incontri c'è stata una buona interazione fra i relatori e i genitori, con tante domande soprattutto sui rischi sulle strade, l'inadeguatezza delle strutture per la bici, la conseguente paura da parte dei genitori a usare e a far usare la bici, e una scarsa capacità dei ragazzi di muoversi autonomamente in quartiere.

L'attività a scuola è stata organizzata attraverso sei lezioni. Le prime, in classe, hanno riguardato la bicicletta come mezzo di trasporto con le sue implicazioni storiche, sociali e ambientali, ma anche la sicurezza stradale e le regole da rispettare. A queste lezioni teoriche sono stati affiancati dei laboratori dedicati alla manutenzione della bicicletta e ai segreti per mantenerla funzionante e in buono stato.

MilanoinBici

Scritto da Super User Creato il .

Valutazione attuale:  / 0

Viagginbici.com, magazine del Turismo Sostenibile, pubblica la guida digitale MilanoinBici.

MILANO DA SCOPRIRE

3 itinerari in città, 3 itinerari nell'hinterland, uno è la via per l'Expo: in sella a una bicicletta, alla scoperta di Milano e del suo territorio.

La filosofia va in bicicletta ... "pedalo, dunque sono" ... in bicicletta più si pedala, più si pensa: frasi che fondano le proprie radici nella ciclofilosofia, vale a dire nella pratica delle due ruote come respiro, riflessione, emozione, resistenza, lotta, creatività, senso della vita.

Se in città capita spesso di camminare di fretta a testa bassa, a Milano questa sembra essere la regola. Milano, città degli affari, della moda, del mobile, del design, è come un grande ufficio, e si strappa un aperitivo è per networking. Tutto è corsa contro il tempo, ritardi di treni e autobus, code in autostrada. Il tempo si recupera grazie all'efficientissima metropolitana...che però corre sotto terra! (...)

Al'indirizzo che segue potete scaricare l'ebook in formato pdf e le tracce GPS dei vari percorsi: http://www.viagginbici.com/milano-in-bici/

L'inziativa è stata sostenuta da BikeMi, WonderfulExpo 2015 e FIAB. Alla stesura degli itinerari ha collaborato Marialuisa Bonivento, organizzatrice insieme all'archietetto Rocculi dei giri MilanoArte.

Qui sotto il link al comunicato stampa.

 

 

Allegati:
Scarica questo file (milanoinbici.pdf)milanoinbici.pdf[ ]150 Kb

Una Bimbimbici speciale con tanti bimbi, bici, sole e serenità

Scritto da Super User Creato il .

Valutazione attuale:  / 0

Bimbimbici a Milano ci ha regalato un bel successo. Circa 800 persone nel corso della giornata hanno partecipato alle attività.

Ci ha aiutato un sole splendido già estivo, ma più ancora pensiamo che le famiglie siano state attirate dalle tante novità di questa edizione, ad iniziare dalla interessante collocazione negli spazi aperti della Fondazione Riccardo Catella a Porta Nuova, che ringraziamo per l'ospitalità.

Avevamo fatto una scommessa con noi stessi: riuscire a programmare tante attività in contemporanea. Con l'aiuto di circa 60 nostri soci volontari, a cui va un grazie sentito, abbiamo infatti creato una larga offerta di proposte a corredo del piatto forte: le venti biciclettate che ogni quarto d'ora hanno portato alla scoperta del nostro quartiere piccoli gruppi di bimbi e familiari, che si sono spinti fino alla rinascimentale Villa Mirabello.

Lasciamo che parlino le foto perché esprimono il clima sereno e allegro che ha caratterizzato la giornata molto meglio delle parole.

  • Filippa con Eugenio Galli - Il movimento è felicità
  • Tanta gente per iscriversi alle attività in programma
  • Filippa guida i bimbi per iniziare il girotondo nel campo di grano
  • I bimbi più piccoli, i gialli, arrivano alla chiesetta delle Abbadesse
  • Il laboratorio di Bici&Radici
  • Il nostro servizio d'ordine sembra divertirsi
  • Il tavolo giallo per iscrivere i più piccoli
  • In compagnia tutto è più facile
  • La Sonorissima prova prima del suo flash mob musicale
  • Partenza di un gruppo di bambini piccoli, i gialli
  • Ultimi avvertimenti al via di GiroBimbi, simulazione di percorso stradale
  • Un piccolo segno di gratitudine consegnato da Anna Pavan
  • Un saluto al pupazzo Playmobil
  • Una bimba disegna la sua bici ideale
  • Uno dei partecipanti più piccoli
  • Un gruppo azzurro, quello dei più grandicelli, al ritorno da Villa Mirabello

Fiab Ciclobby ringrazia la nostra cara amica Filippa Lagerback che puntualissima ed elegantissima come sempre, prima ha partecipato ad una biciclettata (sorpresa per la bellezza del quartiere e il fascino di Villa Mirabello) e poi ha guidato il particolare girotondo di 14 bambini programmato per mezzogiorno al centro di Wheatfield, il campo di grano di Agnes Denes a Porta Nuova. Ciascuno di loro con una propria lettera ha composto la scritta Bimbimbici 2015, accompagnato dal flash mob musicale del gruppo "La Sonorissima".

È stato un mezzogiorno di fuoco, alla Gary Cooper, ma Filippa non ha perso il sorriso.

(video di Camilla Monopoli)

Bimbimbici 2015 ha avuto il patrocinio del Comune di Milano.

Si è svolta in collaborazione con la Fondazione Riccardo Catella.

Hanno aderito ADA Stecca che ringraziamo per averci messo a disposizione anche i suoi spazi; inoltre Genitori Antismog, Legambiente, gruppi scout.

Bimbimbici ha avuto il sostegno di Fineco e Playmobil.

Ringraziamo anche Arexons, Austria Turismo, Bio.it, Libreria dei ragazzi, Tucano Urbano, Visitdenmark, Weleda.
Infine un grazie sentito a Cinzia di Oltrelacarta, di via Menabrea e a Francesca di Bici&Radici di via D'Apulia, che hanno condotto due attività molto apprezzate: "Disegno la mia bici ideale" e la confezione di "bombe di semi". Ci siamo detti con loro che faremo ancora tante belle cose insieme. E grazie anche all'originale e appassionato gruppo "La Sonorissima". Contiamo su di loro anche per il futuro.

Potete vedere altre foto qui.

Info su Bimbimbici a Milano 2015.

Primavera, dov'eri?

Scritto da Super User Creato il .

Valutazione attuale:  / 0

 

Primavera, i ciclisti ieri mattina ti cercavano, ma non ti sei fatta vedere.

  • Bruno Pizzul ospite d'onore
  • Non per tutti è Primavera
  • Tutti ben protetti da freddo e pioggia
  • Eppure gli alberi sono in fiore
  • Il nostro servizio d'ordine sempre in servizio!
  • C'è chi ama le comodità
  • Servizio stampa al coperto
  • Aldo Monzeglio, presidente onorario, classe 1928, non si fa spaventare da 2 gocce di pioggia.
  • Bambini coraggiosi. A Bimbimbici saremo più fortunati!
  • La scorta della Polizia Municipale
  • Anna Pavan scalda i cuori dei partecipanti infreddoliti
  • L'estrazione dei premi in palio

Il comunicato stampa post Bicinfesta

La 29ª edizione di Bicinfesta di Primavera non è stata baciata da un sole primaverile, ma centinaia di ciclisti milanesi hanno ugualmente raccolto l'invito alla storica kermesse organizzata da Fiab Milano Ciclobby.
Non si è scoraggiato neppure il grande giornalista sportivo Bruno Pizzul, noto ciclista urbano e testimonial di questa edizione di Bicicnfesta. Quando il Presidente dell'associazione Eugenio Galli gli ha ceduto il microfono, Pizzul ha raccontato della sua fama di persona puntuale in ogni occasione, grazie alla sua scelta di muoversi in bicicletta e ha auspicato una città in cui tutti, a tutte le età, possano muoversi con piacere e in sicurezza.
Sono poi intervenuti Marco Ferrari, presidente dei Genitori Antismog, salito sul palco accompagnato da un gruppo di bambini, Doretta Vicini, vicepresidente di ECF, la Federazione europea dei ciclisti cui aderisce anche Fiab, e il giovane consigliere comunale Emanuele Lazzarini.

Twitter