BABBO NATALE NON USA L'AUTO!

Valutazione attuale:  / 0

 

Questo Natale il vero regalo fallo alla tua città: lascia a casa l'auto e fai le compere in bici, a piedi, coi mezzi....perché lo shopping è più bello senza stress, senza traffico e senza inquinamento!

STAMPA LA LOCANDINDA E APPENDILA A SCUOLA, NEL TUO NEGOZIO, IN UFFICIO... E AIUTACI A FARLA GIRARE!

Un'iniziativa di:
@fiabmilano, @genitoriantismog, @confesercenti.milano

#babbonatalenonusalauto

Per il secondo anno Confesercenti Milano partecipa alla campagna "Babbo Natale non usa l'auto!", in collaborazione con le associazioni milanesi FIAB Milano Ciclobby e Genitori Antismog.
Il fatto che chi rappresenta l'interesse dei commercianti sostenga convintamente la posizione di queste associazioni ci fa capire che ridurre il traffico a motore in città è considerata ormai una necessità non solo per la salute e per una migliore qualità della vita, ma anche per il rilancio dell'attività dei negozi.

Leggi il resto del Comunicato Stampa

 

Allegati:
Scarica questo file (2017_BabboNataleNonUsaAuto_CS.pdf)2017_BabboNataleNonUsaAuto_CS.pdf[Comunicato stampa]234 Kb
Scarica questo file (Poster_BabboNataleInBici_Stampa.pdf)Poster_BabboNataleInBici_Stampa.pdf[Locandina]618 Kb

La Coperta Scucita: CERCO UN CENTRO DI CICLABILITÀ PERMANENTE

Valutazione attuale:  / 0

Sabato 11 novembre 3° sopralluogo della Coperta Scucita 2017

Percorreremo - evidentemente - le strade del centro di Milano con arrivo e sosta alla sede dell'associazione.
E' un'occasione per sperimentare insieme la ciclabilità urbana, per commentare pregi e difetti, per comunicare la visione della città che l'Associazione ha in mente e promuove.
Saremmo molto contenti se ciascuno di voi riuscisse a partecipare a quello che riteniamo essere un momento importante di scambio e di formazione sulle tematiche della ciclabilità.

Qui di seguito, il programma della mattinata, allegato anche in pdf insieme alla traccia del percorso.

Vi invitiamo caldamente ad essere con noi!
Un caro saluto e a presto

per il Gruppo Tecnico di FIAB Milano Ciclobby

Guia Biscaro


 

SABATO 11 novembre 2017
ore 10.00 ritrovo piazza Cadorna davanti alla Stazione
ore 10.15 partenza

Temi

  • convivenza pedoni/ciclisti (via Dante, corso Vittorio Emanuele, corso Como)
  • la viabilità con i cantieri M4 (piazza San Babila, Cerchia dei Navigli)
  • le strade del centro storico: traffico veicolare, pavè, binari
  • area C è zona 30?
  • situazioni non risolte: attraversamenti ciclabili mancanti (piazza Cordusio, Bastioni di Porta Volta)
  • il doppio senso ciclabile: via Brera
  • la ciclabilità interrotta: il cavalcavia Bussa

ore 13.00 arrivo alla sede di FIAB Ciclobby, via Borsieri 4

Osservazioni e commenti su quanto visto e sperimentato, coordinati da tecnici della ciclabilità, con vino e taralli.

La sede è aperta anche per la campagna tesseramento 2018

Totale km 10 circa

Percorso urbano, adatto a qualsiasi tipo di bici.

Non sono ammesse biciclette che non siano in ottimo stato di manutenzione e con le dotazioni di norma: gomme gonfie, campanello, freni funzionanti, catarifrangenti, luci anteriore e posteriore.

Non adatto a ragazzi sotto i 14 anni.

Partecipazione gratuita con assicurazione 1 € soci FIAB; 2 € non soci

 

 

 

BICI È SALUTE

Valutazione attuale:  / 1
Under pressure

 

Sabato 11 novembre sede aperta per rinnovare l'iscrizione e controllare la pressione, tua e della tua bici!

La sede sarà aperta dalle 15 alle 19 con la presenza dei nostri volontari per permettere a chi vuole di iscriversi o di rinnovare la tessera per il 2018.

Dalle 16 alle 18 saranno presenti i nostri meccanici per il controllo della pressione dei vostri pneumatici ed un medico per misurare la vostra pressione.

Vi aspettiamo!

 

(Foto da Flickr: Under pressure)

Contro lo smog azioni immediate!

Valutazione attuale:  / 1

Lettera della Fiab al presidente dell'Anci Decaro

Caro Sindaco Decaro,

scrivo a te perché, in qualità di presidente ANCI, sei un po' il sindaco di tutti.

Ti scrivo perché il tema della cosiddetta "emergenza smog" è ormai diventato persino stucchevole nella sua sistematicità e i titoli roboanti dei giornali, a suon di cifre di morti e malattie causate dallo smog, non fanno più notizia: è l'effetto assuefazione che abbiamo di fronte ad ogni notizia ripetuta come un mantra.

Ti scrivo perché già lo sappiamo che alla prima pioggia tutti i sindaci tireranno un sospiro di sollievo per non dover prendere provvedimenti drastici e impopolari, il tutto fino alla prossima "emergenza".

Ti scrivo perché, in qualità di presidente di tutti i sindaci d'Italia, tu ti faccia promotore con i tuoi colleghi sindaci di una serie di iniziative da attuare subito, non fra qualche mese.

  1. il divieto di transito/parcheggio auto davanti alle scuole. Sappiamo anche da una recente indagine fatta a Roma che le aree intorno alle scuole diventano delle piccole camere a gas che i nostri bambini/ragazzi respirano durante la loro permanenza a scuola. Riteniamo che la salute dei nostri figli valga anche il piccolo sacrificio (se di sacrificio vogliamo parlare) di lasciare l'auto a qualche decina di metri per poi fare a piedi l'ultimo tratto di strada;
  2. tornare a proporre le domeniche ecologiche in maniera continuativa: è il modo migliore per imparare, poco alla volta, ad organizzare i propri spostamenti senza l'auto. Si comincia con la domenica e poi magari si scopre che può diventare una sana abitudine anche gli altri giorni della settimana;
  3. promuovere l'uso della bicicletta e dei mezzi pubblici attraverso l'attivazione di incentivi vari (es. bonus acquisto biciclette, facilitazioni di parcheggi protetti negli uffici, abbonamenti famiglia per i mezzi pubblici, gratuità di navette da parcheggi esterni la città, ecc.);
  4. un appello forte di ANCI perché venga approvata dal Governo la Legge Quadro sulla Ciclabilità che darebbe ai Sindaci gli strumenti necessari per meglio lavorare sulla promozione della mobilità ciclistica che è uno degli elementi forti di una vera politica per la mobilità sostenibile nelle nostre città.

Sappiamo che c'è necessità di interventi coordinati ed investimenti nazionali sui temi della mobilità ciclistica e trasporto pubblico, ma nel frattempo questi semplici provvedimenti possono essere un piccolo passaggio per dare qualche sollievo alle città e abituare i cittadini a nuovi modelli di mobilità, come quello di tornare ad accompagnare a piedi i bambini a scuola o fare shopping nella propria città ma lasciando l'auto in parcheggi esterni.

Il tutto, però, mentre l'amministrazione locale lavora sugli altri interventi (dal contenimento dei consumi nelle nostre case, alla riorganizzazione della mobilità di persone e merci in termini di sostenibilità) che hanno bisogno di tempi più lunghi e risorse importanti.

Il mezzo di trasporto bicicletta nelle città è quello che, con investimenti contenuti, può dare risposte in tempi brevissimi alle necessità di spostamento quotidiano casa-lavoro e casa-scuola: lo si affronti con determinazione e investimenti da subito. FIAB è a disposizione di tutti quei comuni che hanno bisogno di supporto per promuovere l'uso della bicicletta nelle loro città, perché gli investimenti vanno accompagnati da un processo comunicativo che faccia comprendere che #labiciclettafunziona, come recita la nostra ultima campagna di tesseramento 2018.

Grazie per l'attenzione. Buon lavoro!

  Giulietta Pagliaccio (presidente della FIAB)

 Articolo originale pubblicato sul sito della FIAB: http://www.fiab-onlus.it/bici/notizie/notizie-varie/news-varie/item/1837-lettera-fiab-anci.html


La lettera della presidente di FIAB nazionale, Giulietta Pagliaccio. è stata inviata al Sindaco di Milano Giuseppe Sala.

Caro sindaco Sala,

ho molto apprezzato gli impegni che hai assunto nel corso del tuo intervento a C40 Cities, il network delle metropoli internazionali impegnate nella tutela dell'ambiente.

Colgo l'occasione per indirizzare a te la lettera aperta che la presidente di FIAB nazionale, Giulietta Pagliaccio, ha inviato oggi al tuo collega Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente di ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani, affinché si faccia promotore, con i suoi colleghi sindaci, di una serie di iniziative da attuare subito per fronteggiare il problema dello smog e del traffico automobilistico che soffocano la nostra città.

Ti invito caldamente a intraprendere con la massima urgenza le azioni che sono descritte nella lettera che allego; FIAB Ciclobby, con i movimenti e le associazioni ambientalisti del territorio, ti saranno di supporto.

«Vorrei che proprio dalla città dove corrono tutti, parta la rivoluzione del rallentamento. Ripensiamo i tempi della città», hai detto a Parigi.
Per far fronte alla drammatica situazione in atto, invece, non c'è tempo da perdere: è ora di correre!

Buon lavoro

Guia Biscaro
presidente FIAB Milano Ciclobby

La chiamiamo "emergenza"?

Valutazione attuale:  / 1
Porta Nuova, MilanoCam.it

 La chiamiamo "emergenza"?

Il Sindaco Sala definisce la situazione insostenibile, le colonnine dell'ARPA ci dicono che l'aria è pessima, da dieci giorni il PM10 ha valori doppi rispetto al massimo consentito (prima della data consentita per accendere le caldaie), ogni autunno inizia così, con l'emergenza smog; ma emergenza è la circostanza imprevista, l'accidente. Qui, cosa c'è di imprevisto e imprevedibile? eppure ogni volta, Milano si trova impreparata, come davanti ad un evento inaspettato. Non piove da più di un mese e veniamo da un anno straordinariamente secco, non ci voleva molto a pensare che il mal sottile si sarebbe fatto vivo presto e non si può nemmeno far leva sull'inquinamento da riscaldamento perché non c'entra.

Eppure la politica è solo capace di giocare allo scaricabarile. Va bene pensare a soluzioni infrastrutturali di lungo termine ma l'urgenza è oggi. Pur se qualche cosa si è mosso in questi ultimi anni con l'incentivazione del mezzo pubblico e timidi segnali di maggior attenzione alla mobilità ciclistica ed alle zone 30, abbiamo anche assistito alla incentivazione del mezzo motorizzato a due ruote, a una resistenza all'allargamento dell'Area C e a prendere misure concrete di riduzione del traffico automobilistico, compreso quello in entrata a Milano. Il ministro Galletti afferma che là dove la condizione morfologica ed ambientale crea situazioni complesse lì occorrono interventi forti e "che tutti i Comuni di quella zona li facciano insieme con la stessa determinazione" ed infatti abbiamo assistito in questi mesi ad una frenata secca sulla politica congiunta nell'area della città metropolitana.

FIAB ha lanciato la campagna di tesseramento 2018 con lo slogan "La bicicletta? Funziona!" proprio per far capire che muoversi in bicicletta è la risposta che noi possiamo dare per una qualità della vita e dell'aria migliori, senza aspettare gli interventi lenti ed spesso obsoleti della politica.

Invece si assiste alla incentivazione di politiche di modernizzazione del parco auto, di auto ibride, di auto e moto elettriche pensando di migliorare in futuro la qualità della vita ma di fatto fornendo l'alibi per intasare ulteriormente le nostre città e senza aver più un motivo per ridurre il traffico, la sosta selvaggia e le polveri sottili. Milano è la terza città più inquinata d'Italia dopo Torino e Frosinone e tutti gli anni siamo da capo. Il Municipio 3 ha chiesto ai suoi consiglieri ed ai cittadini di utilizzare bici e mezzi pubblici per muoversi lasciando a casa l'auto, un messaggio importante ma di scarso impatto se non appoggiato dal Sindaco e dalla giunta con provvedimenti adeguati. Qui si fa la danza della pioggia, si aspetta la pioggerellina di qualche ora per avere un poco di respiro ma chi pedala ogni giorno nel traffico, chi è costretto a sostare in colonna dietro un'auto od un motorino o cammina spingendo passeggini e carrozzine continua lentamente ad assorbire PM10.

Chiediamo al Comune di difendere la salute dei cittadini, di prendere posizioni forti, di incentivare la mobilità ciclistica con opere "leggere" e realizzabili subito e di più facile realizzazione anche precorrendo i tempi di una modifica legislativa al CDS, di pianificare la limitazione del traffico motorizzato per tutto il periodo invernale, sopprimere le agevolazioni all'utilizzo delle moto e motorini in Area C, operare con le scuole per sensibilizzare bambini e genitori ad accompagnare i figli con mezzi differenti dall'auto, accelerare la progettazione di zone 30 realmente tali.

Chiediamo a tutti i cittadini di fare in prima persona una scelta di responsabilità, prima di tutto nel loro proprio interesse, utilizzando il meno possibile l'automobile o lo scooter, scegliendo di spostarsi con i mezzi pubblici, la bicicletta o a piedi, riscoprendo così un modo più gradevole e socievole per muoversi, e diventando parte attiva del miglioramento delle proprie condizioni e della propria città.

Milano ha fatto molti passi avanti in questi ultimi anni, si è rivelata turisticamente attraente ed essere in corsa per ospitare la prestigiosa sede dell'Agenzia Europea del Farmaco sembra uno schiaffo morale per tutti coloro che si ammalano d'inquinamento. Abbia il coraggio di dimostrarsi prima nelle politiche ambientali.

 

(Foto di copertina dal sito: MilanoCam.it)

Sede rinnovata, rinnova la tessera!

Valutazione attuale:  / 0

 

Giovedì 26 ottobre a partire dalle 18, via Borsieri 4/e a Milano

La nostra sede di via Borsieri ha cambiato aspetto e vogliamo inaugurare il rinnovo con in nostri soci .

Con l'occasione chi lo desidera potrà anche rinnovare la propria tessera. È infatti possibile iscriversi per il 2018.

Vi aspettiamo numerosi e se ognuno di noi porta qualche cosa da mangiare e da bere sarà una bella festa!

Alle 19.00 Giordano Dall'Armellina, musicista folk, studioso di musica popolare europea e autore di saggi sull'argomento, nonchè ciclista, ci accompagnerà con la sua chitarra acustica e le sue canzoni.

A seguire alle 21.00 BiciMondo: Mauritius in bici, racconto e immagini di Alberica di Carpegna

Vi aspettiamo!

A chi dà fastidio la Legge Quadro sulla Mobilità Ciclistica?

Valutazione attuale:  / 0

Se lo chiede FIAB - Federazione Italiana Amici della Bicicletta e tutto il mondo dei ciclisti urbani. A pochi giorni dalla chiusura della Settimana Europea della Mobilità (16-22 settembre, dove il Ministero dell'Ambiente è stato splendidamente assente) la scorsa settimana (il 28 settembre) in Parlamento, la Legge Quadro sulla Mobilità Ciclistica – presentata nel lontano 2014 – è stata nuovamente ritirata dalla discussione a causa di un parere non positivo da parte della commissione del Ministero dell'Economia e Finanza (MEF).

Continua a leggere sul sito della FIAB: http://www.fiab-onlus.it/bici/attivita/proposte-di-legge/item/1816-fastidio-legge-quadro.html

Censimento dei Ciclisti 2017

Valutazione attuale:  / 0

Il 20 settembre scorso Fiab Milano Ciclobby ha effettuato il 16° Censimento Annuale dei ciclisti urbani. Appuntamento ormai tradizionale, anche in considerazione della scarsità di dati ufficiali relativi alla ciclabilità urbana, l'iniziativa della nostra associazione cerca di fotografare ogni anno la situazione relativa agli spostamenti quotidiani in bici, rilevando i passaggi da e per il centro nell'arco di dodici ore di una giornata lavorativa.

Nell'attesa di elaborare e rendere disponibili i dati definitivi, sono pronti i primi dati "grezzi" delle rilevazioni effettuate da quasi 60 volontari durante la giornata di mercoledì scorso.

Via Beltrami/piazza Cairoli: si passa da 3835 passaggi del 2016 a 3920 del 2017;
Corso di Porta Romana: da 2020 passaggi del 2016 a 2043 di quest'anno;Corso Magenta : da 1986 del 2016 a 1898 passaggi nel 2017;Corso Venezia: da 3940 a 3746 passaggi nel 2017.

Questi primi dati segnalano una tendenza alla stabilità del numero dei ciclisti in circolazione all'interno della Cerchia dei Navigli, con alcune situazioni dove si registrano delle flessioni.

Di segno contrario il dato relativo al bike sharing.

Come ogni anno, infatti, i volontari hanno distinto, nelle rilevazioni, il numero delle bici private da quelle delle bici in condivisione; quest'anno nel conteggio, oltre alle bici del BikeMi sono state inserite le bici dei nuovi operatori, MoBike e Ofo.
Via Beltrami/piazza Cairoli: sale da 759 passaggi del 2016 a 784 del 2017;Corso di Porta Romana: si passa da 315 passaggi del 2016 a 322 di quest'anno.Corso Magenta: da 221 del 2016 a 283 passaggi nel 2017.Corso Venezia: da 581 a 666 passaggi nel 2017.

La prima osservazione evidente riguarda due tendenze di segno opposto, che si registrano fra bici pubbliche condivise e bici private.

Infatti, se il dato generale è stabile o in leggero calo, il mondo delle bici condivise appare in grande fermento: i segnali sono tutti positivi e gli incrementi anche significativi, come nel caso della postazione di Porta Venezia che registra un incremento della frazione del bike sharing di circa il 14%.

In attesa dell'analisi più completa dei dati, oltre a ringraziare i tanti volontari che hanno dedicato un pezzetto della loro giornata a questo lavoro essenziale, possiamo cominciare ad abbozzare qualche riflessione più generale.

Innanzitutto lo stop alla crescita. L'anno scorso registravamo un significativo balzo in avanti con aumenti in percentuale spesso a due cifre, cosa che quest'anno non è avvenuta. Il dato stabile riflette la tendenza registrata da un altro censimento realizzato a Milano dallo Staff di Polinomia.

http://www.polinomia.it/articoli-polinomia/ciclisti-a-milano-e-recessione.html

Osserviamo quindi, dopo una crescita spesso sorprendente degli anni passati, una stabilizzazione del dato rilevato. Sappiamo che tanti fattori hanno contribuito a far crescere la spinta verso l'utilizzo di mezzi sostenibili in città, indipendentemente dalle condizioni reali di percorribilità e sicurezza delle strade urbane.

Anche l'uso dei mezzi condivisi ha sicuramente modificato l'approccio verso lo spostamento in bici in città. La disponibilità del bike sharing a flusso libero, con l'ingresso dei nuovi operatori di MoBike e Ofo in affiancamento allo storico bike sharing a stallo fisso del BikeMi fa registrare un marcato incremento delle bici pubbliche in circolazione.

Dall'altra parte, il tratto corso Buenos Aires – corso Venezia, da sempre il più affollato di biciclette, segna una flessione di passaggi sicuramente significativa.

La crescita spontanea sta quindi segnando il passo. In questo asse, che sicuramente ha il pregio di essere "diretto", si paga il pegno di non aver realizzato gli interventi richiesti e promessi. Dall'allargamento dei marciapiedi dell'epoca Moratti (che nulla prevedeva per la ciclabilità) al mancato proseguimento di interventi di moderazione in corso Venezia dopo l'incrocio di via Palestro, fino alle difficoltà dovute ai cantieri M4 in piazza San Babila e corso Europa la ciclabilità qui, come altrove, rallenta.

Appare quindi chiaro che per mantenere una prospettiva di sviluppo in senso sostenibile questa città deve mantenere le promesse sulle realizzazioni previste ma deve soprattutto rendere continua e coerente l'azione di promozione della ciclabilità. Gli interventi spot non pagano (e costano) e devono lasciar spazio ad interventi coerenti e diffusi il più possibile all'interno del tessuto urbano. Solo così un cambiamento seppur significativo, che tutti percepiamo in città, può diventare un solido cambiamento delle abitudini dei milanesi con un miglioramento reale della qualità di vita in città.

Guia Biscaro - Presidente Fiab Ciclobby
Valerio Montieri – Gruppo Tecnico Fiab Onlus

 

 20162017
PostazioneTotaleSharingTotaleSharing
Beltrami 3835 759 3920 784
Magenta 1986 221 1898 283
Romana 2026 315 2043 322
Venezia/Senato 3940 581 3746 666
Totale 11787 1876 11607 2055
Percentuali     -1,53% +9,54%

 

 

Twitter

Infomobilità Milano

Buongiorno dalla Centrale Operativa Infomobilità di #Milano. Seguiteci anche oggi, fino alle 19, per notizie utili sulla mobilità cittadina

by Infomobilità Milano

Fiab Onlus

RT @marmaz: Ciao ciao alla legge sulla mobilità ciclistica? --- Fine legislatura: dai parchi alle piste ciclabili, tutte le leggi ambiental…

by Fiab Onlus