Piccoli #BICIttadini crescono

Valutazione attuale:  / 1

 

Un esperimento riuscito di comunicazione "positiva" riguardo all'uso della bici.

Tutte le migliori esperienze in materia di ciclabilità ci dicono che oltre al miglioramento fisico delle infrastrutture stradali, e in particolare di quelle dedicate alla bicicletta, il segreto del successo sta nella promozione e nella comunicazione "positiva" riguardo all'uso della bici. Le amministrazioni virtuose hanno sempre investito una fetta considerevole dei budget a disposizione per realizzare campagne di comunicazione in appoggio alla realizzazione degli interventi.

link al video del progetto: https://vimeo.com/109289339

Per la prima volta anche a Milano si è voluto intraprendere questa strada con il progetto #BICIttadini. Promosso dall'Assessorato alla Mobilità e Ambiente del Comune di Milano e coordinato da Amat (Agenzia Mobilità Ambiente Territorio), questo lavoro, grazie al finanziamento della Fondazione Cariplo, ha proprio cercato di unire la realizzazione e la sistemazione di due infrastrutture per la ciclabilità lungo due itinerari periferia-centro con la promozione di stili di vita legati alla mobilità sostenibile.

La scelta del target è stata da subito chiara: ci si è rivolti ai bambini e ragazzi delle scuole primarie e secondarie di I grado, in una fascia di età fra i 9 e 13 anni. Questa scelta si basa sulla convinzione che il cambio culturale possa avvenire solo sensibilizzando le nuove generazioni, ma anche che, rivolgendosi agli utenti più deboli della strada, si potessero "contagiare" i genitori nello sviluppare comportamenti virtuosi.

Il progetto cerca quindi di unire la parte "fisica" con la sistemazione, lo sviluppo e la segnalazione dei due itinerari centro-periferia, da Piazzale Maciachini ad Affori a Nord e da Porta Romana all'Abbazia di Chiaravalle a Sud , con la parte "culturale", attraverso il coinvolgimento di dieci scuole, individuate lungo i percorsi, con più di 800 fra bambini e ragazzi chiamati a partecipare ad attività di promozione dell'uso della bici.

L'idea, sicuramente ambiziosa, ci è piaciuta subito e ha visto quindi il coinvolgimento di FIAB Milano Ciclobby soprattutto nelle attività didattiche, nella quale si è potuto mettere a frutto l'esperienza già fatta negli ultimi anni in molti complessi scolastici di Milano e provincia dal nostro gruppo-scuola, oltre a sviluppare nuove attività.

Siamo partiti subito coinvolgendo le famiglie attraverso incontri preparatori con i genitori alla presenza di uno psicologo e di un pediatra che hanno illustrato i benefici dell'uso della bicicletta, sia dal punto di vista dello sviluppo fisico, sia nel campo delle relazioni sociali e nella formazione e affermazione della personalità dei ragazzi. Negli incontri c'è stata una buona interazione fra i relatori e i genitori, con tante domande soprattutto sui rischi sulle strade, l'inadeguatezza delle strutture per la bici, la conseguente paura da parte dei genitori a usare e a far usare la bici, e una scarsa capacità dei ragazzi di muoversi autonomamente in quartiere.

L'attività a scuola è stata organizzata attraverso sei lezioni. Le prime, in classe, hanno riguardato la bicicletta come mezzo di trasporto con le sue implicazioni storiche, sociali e ambientali, ma anche la sicurezza stradale e le regole da rispettare. A queste lezioni teoriche sono stati affiancati dei laboratori dedicati alla manutenzione della bicicletta e ai segreti per mantenerla funzionante e in buono stato.

MilanoinBici

Valutazione attuale:  / 2

Viagginbici.com, magazine del Turismo Sostenibile, pubblica la guida digitale MilanoinBici.

MILANO DA SCOPRIRE

3 itinerari in città, 3 itinerari nell'hinterland, uno è la via per l'Expo: in sella a una bicicletta, alla scoperta di Milano e del suo territorio.

La filosofia va in bicicletta ... "pedalo, dunque sono" ... in bicicletta più si pedala, più si pensa: frasi che fondano le proprie radici nella ciclofilosofia, vale a dire nella pratica delle due ruote come respiro, riflessione, emozione, resistenza, lotta, creatività, senso della vita.

Se in città capita spesso di camminare di fretta a testa bassa, a Milano questa sembra essere la regola. Milano, città degli affari, della moda, del mobile, del design, è come un grande ufficio, e si strappa un aperitivo è per networking. Tutto è corsa contro il tempo, ritardi di treni e autobus, code in autostrada. Il tempo si recupera grazie all'efficientissima metropolitana...che però corre sotto terra! (...)

Al'indirizzo che segue potete scaricare l'ebook in formato pdf e le tracce GPS dei vari percorsi: http://www.viagginbici.com/milano-in-bici/

L'inziativa è stata sostenuta da BikeMi, WonderfulExpo 2015 e FIAB. Alla stesura degli itinerari ha collaborato Marialuisa Bonivento, organizzatrice insieme all'archietetto Rocculi dei giri MilanoArte.

Qui sotto il link al comunicato stampa.

 

 

Allegati:
Scarica questo file (milanoinbici.pdf)milanoinbici.pdf[ ]150 Kb

Il Senato boccia la riforma del CdS. Manca la copertura o l'attenzione?

Valutazione attuale:  / 0

 

Bocciatura da parte della Commissione Bilancio del Senato di alcuni elementi del decreto di riforma del Codice della Strada, in particolare quelli relativi alla sicurezza e tutela dell'utenza debole.

Sconcerto di FIAB, la Federazione Italiana Amici della Bicicletta, che da tempo è parte attiva nel difficile cammino intrapreso per dare al Paese un nuovo modello di mobilità.

Mancanza della necessaria copertura finanziaria? Una spiegazione di circostanza. Quali dovrebbero essere le risorse necessarie per dare ai sindaci la possibilità di ridurre la velocità al fine di garantire maggiore sicurezza ai cittadini?

Continua a leggere il Comunicato Stampa FIAB

(Foto pubblicata con licenza CC-BY-2.0)

Convocazione Assemblea dei Soci 2015

Valutazione attuale:  / 0

 

Sabato 7 marzo, presso la nostra sede di via Borsieri 4/e, si svolgerà l'Assemblea ordinaria dei soci di Fiab Milano CICLOBBY. L'assemblea si riunisce in prima convocazione alle ore 14,00 e in seconda convocazione alle ore 14:45.
Questo l'Ordine del giorno:

  1. Relazione del Presidente e del Direttivo sulle attività svolte nel 2014 e discussione
  2. Presentazione e votazione Bilancio consuntivo 2014 e Bilancio preventivo 2015
  3. Nomina dei delegati all'assemblea Fiab che si terrà a Firenze il 18 e 19 aprile p.v.
  4. Varie ed eventuali

L'appuntamento annuale dell'assemblea dei soci è un momento importante per scambiarsi informazioni e riflessioni sulla nostra associazione e per confrontarsi sullo stato della mobilità ciclistica nella nostra città: per decidere insieme come continuare a portare avanti i nostri obiettivi.

L'uso della bicicletta, sia per la mobilità quotidiana che per il cicloturismo, si sta diffondendo sempre più, ma le infrastrutture per rendere più sicura la vita di noi ciclisti non vanno di pari passo. Da una parte, quindi, siamo sempre più chiamati a rispondere alle sollecitazioni che ci arrivano dalla società per collaborare alla realizzazione delle numerose iniziative in bicicletta, dall'altra dobbiamo tenere alta l'attenzione verso le istituzioni e l'amministrazione della nostra città, da cui ancora attendiamo interventi significativi a favore di chi ha scelto la bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano. Senza poi dimenticare il nostro impegno sul fronte del cicloturismo, come puoi vedere dalle tante proposte contenute nel Calendario delle attività 2015.

La nostra associazione conta oltre 1300 soci a Milano, e sono 15000 gli aderenti a Fiab in tutta Italia, sono numeri importanti e tutto il lavoro è portato avanti grazie all'impegno volontario dei soci attivi. Partecipare all'assemblea annuale è un primo semplice momento per conoscere meglio la tua associazione e magari per decidere di partecipare attivamente: c'è davvero molto da fare per portare avanti le nostre idee, i nostri interessi e i nostri progetti.

Se potessi avere mille metri al mese

Valutazione attuale:  / 7

 

Quello che pensiamo della realizzanda pista ciclabile di viale Tunisia lo abbiamo detto e scritto in più occasioni, anche sul nostro notiziario (Ciclobby Notizie 2/2014) e sul sito (qui il link all'articolo).

Abbiamo criticato quell'intervento nel metodo e nel merito, per una serie di motivi - a cominciare dalla inaccettabile riduzione dello spazio pedonale - che abbiamo cercato di spiegare nel dettaglio a seguito di un sopralluogo al cantiere, effettuato lo scorso mese di giugno.

Indagine nazionale in bici al lavoro: come e perché

Valutazione attuale:  / 0

VAI IN BICI AL LAVORO?

Oppure lavori ma non ci vai in bici?

In ogni caso, raccontacelo! partecipa al sondaggio "IN BICI AL LAVORO: COME E PERCHÉ" organizzato da FIAB in tutta Italia.

Leggi il resto dell'articolo sul sito FIAB

Lavori in via Vincenzo da Seregno (Affori)

Valutazione attuale:  / 1

Sono in pieno corso i lavori in via Vincenzo da Seregno, ad Affori, compreso il completamento della rotatoria all'incrocio con via Astesani. I lavori per interrare condutture e quant'altro sono stati eseguiti già nel 2013, poi sono stati rimossi i binari del trenino per Limbiate, il cui capolinea è stato spostato in via Comasina, in corrispondenza del capolinea della MM3. Adesso è il momento della sistemazione di carreggiate, corsie e marciapiedi, il tutto per fare spazio, almeno nelle intenzioni, a filari di alberi, parcheggi longitudinali, corsie protette per ciclisti e pedoni.

Ma il risultato, per ora, non sembra molto incoraggiante, almeno a vedere le foto scattate qualche giorno fa. Attorno alla nuova rotatoria si possono notare marciapiedi strettissimi, cordoli sinuosi e arzigogolati, corsie ciclopedonali che sembrano senza uscita, inserti di ciottolato bianco all'apparenza estremamente fragili, tant'è vero che uno di essi è già stato danneggiato. Un amico ci dice: "Sembra di vedere una pista di minigolf". Insomma, molto fumo. E l'arrosto? Aspettiamo e speriamo.

Danilo Fullin - FIAB Milano Ciclobby

Petizione per l'abbonamento treno+bici

Valutazione attuale:  / 0
treno+bici

E' in corso una petizione per chiedere a Trenitalia di ripristinare l'abbonamento nazionale al servizio treno+bici.

La situazione del trasporto bici in Italia e' molto variegata. Alcune competenze sono state assegnate alle direzioni regionali, altre sono rimaste a livello nazionale.

Ecco alcuni articoli pubblicati su questo argomento:

Treno e Bici in Emilia-Romagna: facciamo il punto (sito FIAB)
Bici + Treno anno zero (sito FIAB)
Ciclisti, 50mila firme per l'abbonamento scomparso (Repubblica)

Link alla petizione a Trenitalia: Abbonamento bici+treno nazionale

La informazioni di Trenitalia sul servizio Treno+Bici

 

(Immagine adattata da immagine di Greater Bristol Metro Rail utilizzata con licenza CC-BY Attribution 2.0)

 

 

Twitter

ECF

RT @copenhenken: Reasons to be cheerful indeed! Here’s how four cities (3 in the US, 1 in the EU) kept miles of streets traffic-free, turni…

by ECF