Avviso zona Gialla

Nella riunione del Consiglio Direttivo del 18 gennaio 2022 sono state stabilite le regole che seguono.

Vista la situazione sanitaria si è deciso di sospendere le attività cicloturistiche e i giri cittadini sino a domenica 6 febbraio inclusa.

La sede è aperta al pubblico dal martedì al venerdì dalle 17 alle 19 e il sabato dalle 10:30 alle 12:00.
Nei giorni e orari di apertura è possibile contattare la segreteria via telefono: 02 69311624.
La segreteria è comunque raggiungibile via email segreteria@ciclobby.it.

L'accesso alla sede per iscriversi o per informazioni è soggetto alle regole di distanziamento: mascherina indossata, igienizzazione delle mani e distanza minima di un metro. L'accesso è consentito a 2 persone alla volta.

 


 

Trenord vieta il trasporto bici

Creato il .

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

Il 3 giugno Trenord ha emesso una circolare che vieta il trasporto delle bici su molti dei propri treni, mentre resta consentito il trasporto di biciclette pieghevoli, monopattini e mezzi simili non ingombranti. →STOP ALLE BICI A BORDO TRENO: TROPPI "ASSALTI" PREGIUDICANO LA SICUREZZA

Nonostante le motivazioni addotte da Trenord siano ragionevoli e condivisibili, il problema di sicurezza derivante dal numero eccessivo di bici presenti su molti convogli, il provvedimento adottatato risulta punitivo per chi utilizza il servizio bici+treno per spostarsi in modo sostenibile. Notare che molti passeggeri posseggono un abbonamento annuale per il trasporto bici. Inoltre al momento vi sono molte difficoltà per sapere su quali treni resti consentito il trasporto.

Questo divieto purtroppo non arriva inaspettato, il crescente utilizzo dei treni da parte dei rider, i fattorini che consegnano il cibo a domicilio, era noto da tempo ma Trenord non ha fatto nulla né per assecondare l'aumento della domanda per questo servizio né per cercare soluzioni alternative.
Constatiamo anche che Trenord ha tollerato l'affollamento di bici sino a che il servizio dei rider è stato essenziale durante il periodo di lockdown, ma ora che la libera circolazione delle persone è ripresa, i rider sono tornati clienti di serie B.

Il Coordinamento FIAB della Lombardia ha preso contatto con Trenord e si spera che possa essere trovata una soluzione quanto prima. L'amministratore delegato di Trenord Piuri ha dichiarato che l'azienda ha sempre favorito il trasporto delle bici sui propri treni e ha suggerito la possibilità di aprire depositi bici nelle stazioni e di comunicare in maniera precisa gli orari dei treni su cui resta consentito il trasporto, sino ad arrivare ad un sistema di prenotazione del posto bici. È positivo l'attegiamento costruttivo di Trenord ma è fondamentale arrivare in tempi brevi alla riapertura dei treni alle bici.

PIURI, AD TRENORD: "VOGLIAMO RIPORTARE LE BICI A BORDO TRENO, MA NEL RISPETTO DI REGOLE E NORME PER LA SICUREZZA"

Siccome può essere utile esercitare un po' di pressione sulla dirigenza di Trenord, vi segnaliamo 2 petizioni online che chiedono il ripristino del servizio:

trasporto bici su trenord

No alla sospensione del trasporto delle bici sui treni Trenord


 

Twitter

ECF

RT @EuCyclistsFed: NEW REPORT | What is the state of national cycling strategies in Europe?🚲🌍 ECF's report provides a comprehensive overvi…

by ECF

ECF

RT @EuCyclistsFed: 📢 We are hiring! 📢 Passionate about cycling? Want to help promote the most sustainable mode of transport? We are lookin…

by ECF

ECF

RT @EuCyclistsFed: Europe's first national cycling strategy was "invented" by the Dutch in 1990. Many followed, but 24 European countries h…

by ECF