Nuovo Consiglio Direttivo 2016-2018

Creato il .

Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 

 

Si è svolta sabato 12 marzo 2016 l'assemblea annuale dei Soci di FIAB Milano Ciclobby.

L'assemblea ordinaria del pomeriggio era stata preceduta da quella straordinaria al mattino, convocata per approvare alcune modifiche allo statuto dell'associazione.

Ottima partecipazione da parte dei soci che, preso posto come possibile nel nostro salone, seguivano con attenzione i lavori presieduti da presidente e vice-presidente uscenti, Eugenio Galli e Stefania Fuso Nerini.

Primo punto all'ordine del giorno era il bilancio, illustrato dal segretario amministrativo Sergio Ghisoni, e da Giordana Gagliardini, addetta alla contabilità. La situazione economica e finanziaria dell'associazione è molto buona, si sono accumulate risorse che permetteranno di continuare le attività già approvate e di investire in nuovi progetti.
L'assemblea, ascoltata la relazione, approvava all'unanimità il bilancio consuntivo 2015, chiuso in attivo, e quello preventivo 2016.
I documenti sono disponibili qui: http://www.ciclobby.it/cms/servizi/download/category/18-bilancio-2015

Si passava quindi all'illustrazione delle modalità di votazione del Consiglio Direttivo. La presidenza proponeva di eleggere 13 membri (2 in più rispetto al biennio precedente) con facoltà per ogni elettore di esprimere, come da statuto aggiornato, sino a 7 preferenze nella scheda elettorale. L'assemblea approvava la proposta e veniva nominata la commissione elettorale.

Prima della presentazione all'assemblea dei 18 candidati ha preso la parola il presidente uscente Eugenio Galli.
Come già annunciato nei mesi scorsi, Galli ha deciso di non ricandidarsi al Direttivo e quindi di non voler essere rieletto nuovamente alla presidenza dell'associazione. Essendo stato ininterrottamente nel Direttivo per 23 anni e per 14 anni Presidente era giunto il momento di cedere il passo ad altri. Galli ha ampiamente illustrato le motivazioni che lo hanno portato a questa sofferta decisione, motivazioni riconducibili sia al logoramento personale dovuto ad un'attività estremamente impegnativa, sia alla delusione per la mancanza di risultati e cambiamenti nella città di Milano nell'ultimo quinquennio, sia a differenti visioni all'interno del Direttivo riguardo a quello che deve essere il ruolo della nostra associazione nei confronti della politica e delle amministrazioni.

Dopo aver illustrato sia gli obiettivi raggiunti negli ultimi anni (infortunio in itinere, riforme del Codice della Strada in favore della mobilità sostenibile, la ciclovia Treviso-Ostiglia) sia gli obiettivi mancati soprattutto sul fronte cittadino (tunnel di Porta Garibaldi, PUMS, idea di città per i ciclisti che non sia solo piste ciclabili), Galli ha affermato che si deve comunque andare avanti, in maniera propositiva e strategica, costruendo e non limitandosi alla gestione dell'associazione. Ed ha concluso con lo slogan che dovrebbe guidare FIAB Milano in futuro: Esprimere, Coinvolgere, Proteggere.

L'assemblea tributava un lungo applauso per salutare un commosso Eugenio Galli e per ringraziarlo per il tanto lavoro svolto in questi anni.
Galli ha tenuto a precisare che continuerà ad avere un ruolo attivo nell'associazione così come gli altri membri del Direttivo uscente che hanno deciso di non ricandidarsi.

Terminato l'intervento del presidente è iniziata la presentazione da parte di Michele Cremonesi, giovane socio che da qualche mese ha iniziato a collaborare più attivamente nell'associazione, della proposta organizzativa dei lavori del Consiglio Direttivo, dei soci attivi e dei volontari.
Lo statuto dell'associazione stabilisce che il Consiglio Direttivo "provvede alla gestione e funzionamento dell'Associazione" mentre l'Ufficio di Presidenza (composto da presidente, vice-presidente, segratario amministrativo, segretario ordanizzativo) "dà esecuzione alle
decisioni del Consiglio Direttivo; si occupa delle questioni di ordinaria amministrazione
dell'Associazione e delle questioni urgenti ed indifferibili; coordina il lavoro dei responsabili
dei settori di attività nei quali si articola l'Associazione.". Lo statuto non stabilisce in maniera precisa ambiti o modalità di assegnazione di incarichi che nel passato sono stati definiti più sulla base delle attitudini personali che non in base ad un preciso organigramma.

La proposta di Cremonesi, a cui si è arrivati dopo un percorso di discussione interno agli organi dirigenti dell'associazione, con il contributo dei soci attivi, va nella direzione di formalizzare, per quanto possibile per dei volontari, il campo d'azione, gli obiettivi, le modalità di assegnazione degli incarichi e il monitoraggio dei risultati al fine di migliorare l'efficienza delle attività svolte.

La proposta individua 6 ambiti di attività che dovranno avere un coordinatore scelto prioritariamente tra i menbri del Direttivo o tra i soci, in base a competenza o attidudine:

  • Comunicazione
  • Eventi
  • Cicloturismo
  • Servizi ai ciclisti
  • Educazione alla bici
  • Gruppo Tecnico

Durante la breve discussione seguita alla presentazione, da alcuni sono stati espressi timori legati alla complessità dell'organigramma ed alla difficoltà nel vincolare dei volontari, ma nel complesso la proposta è stata recepita positivamente. Sarà compito del nuovo Consiglio Direttivo farne buon uso.
Le slide di presentazione della proposta si trovano qui: http://www.ciclobby.it/cms/servizi/download/category/19-assemblea-dei-soci-2016?download=57:proposta-organizzativa-soci-e-attivi-e-volontari

Si passava quindi alla presentazione dei 18 candidati al Direttivo, molti dei quali giovani e da poco diventati attivi nell'associazione. Ad ogni candidato oltre ad illustrare brevemente le proprie motivazioni per la candidatura, veniva chiesto di esprimere la propria preferenza per 2 degli ambiti organizzativi indicati in precedenza.

Terminata la presentazione si procedeva alle votazioni con tutti i soci presenti.

Durante le operazioni di scrutinio interveniva Stefania Fuso Nerini presentando le numerose attività svolte nel 2015 dai volontari dell'associazione. La vice-presidente ha toccato tutti gli ambiti in cui opera FIAB Milano, dalle attività di comunicazione nei confronti di soci, cittadini, media, amministrazioni, al cicloturismo, ai grandi eventi come Bicinfesta e Bimbimbici, ai progetti di promozione della mobilità sostenibile come #BICIttadini, ai banchetti di raccolta delle iscrizioni, alle BiciSicura per promuovere la sicurezza, alle attività culturali come BiciMondo e BiciGelato, ai numeri relativi a Notiziario, Programma annuale, newsletter, sito, social network.
Le slide della relazione sono disponibili qui: http://www.ciclobby.it/cms/servizi/download/category/19-assemblea-dei-soci-2016?download=58:relazione-sulle-attivita-svolte-nel-2015

Arrivavano infine i risultati delle votazioni con i 13 membri del nuovo Consiglio Direttivo 2016-2018:

Votanti 63 (validi 62, nulla 1, bianche 0)

Candidato Voti
Vanna Bartesaghi 49
Michele Cremonesi 39
Andrea Scagni 38
Silvia Malaguti 37
Guia Biscaro 33
Alessandra Cascione 31
Giuseppe Catalanotto 28
Giordana Gagliardini 22
Marco Capecchi 21
Giovanni Tascillo 20
Delfino Carnevale 18
Danilo Fullin 17
Maria Luisa Bonivento 10
Pietro Scafati 9
Marco Cocchetti 8
Stefania Maffei 7
Giovanni Ricci 7
Giovanni Guzzi 2

(in evidenza gli eletti; i non eletti subentreranno in caso di rinuncia all'incarico degli eletti)

Luigi Bergamin, unico candidato, è stato riconfermato come Revisore dei Conti.

Il verbale delle assemblea verrà pubblicato nei prossimi giorni.

Il nuovo Consiglio Direttivo si riunirà giovedì 17 marzo e procederà, come da statuto, alla nomina di Presidente, Vice-presidenti, Segretario Amministrativo e Segretario Organizzativo.

Ai nuovi consiglieri auguriamo buon lavoro!


Foto dei lavori dell'assemblea.

Twitter