FIAB deplora la cancellazione del "senso unico eccetto bici"

Creato il .

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

La Commissione Trasporti della Camera elimina il controsenso ciclabile!

Comunicato stampa della FIAB:
http://fiab-onlus.it/bici/attivita/proposte-di-legge/item/959-fiab-deplora.html

Articolo di Edoardo Galatola, responsabile FIAB per la sicurezza stradale:
Sicurezza stradale? Un vero controsenso!

Gli assessori alla Mobilità dei comuni di Milano, Torino e Bologna hanno scritto una lettera aperta al Ministro dei Trasporti Lupi affinché intervenga per far rivedere la decisione presa in Commissione Trasporti:

Sul sito de La Stampa un sondaggio in cui poter esprimere il proprio parere sui sensi unici eccetto bici:
http://www.lastampa.it/2014/08/11/italia/in-bici-contromano-siete-favorevoli-RIn3U4g6OY2akOXIEWo8zI/pagina.html

Intervista ad Eugenio Galli su Repubblica:
Galli: "Bici contromano? Un aiuto ai ciclisti, lo dimostra l'Europa"

 

Il commento di Eugenio Galli

Agosto è, da sempre, il periodo delle porcate e delle controriforme. Perché, con le vacanze, siamo tutti un po' distratti. Quello che è sucesso ritengo sia davvero molto grave e spero che ci sia modo di rimediare.
Segnalo il verbale della commissione, con l'unico riferimento al tema in oggetto da parte di una parlamentare che non ha prodotto uno straccio di prova, ma si è limitata a riferire una opinione. E' inaccettabile che chi siede in Parlamento possa comportarsi in questo modo.
http://documenti.camera.it/leg17/resoconti/commissioni/bollettini/pdf/2014/08/04/leg.17.bol0284.data20140804.com09.pdf

Il Parlamento è l'organo che deve provvedere.
Non mi è chiaro ancora il motivo per il quale in Commissione la norma è stata fatta cadere: chi ha deciso di votare contro, perché lo ha fatto? Era consapevole del significato di quella norma e della gravità della sua cancellazione?
Quello dei "sensi unici eccetto bici" (altrove detti "contraflow cycling" o "double sens cyclable") è un provvedimento che risulta, a mio parere, qualificante della reale volontà di cambiamento normativo improntata a una mobilità meno autocentrica e più sostenibile da parte del Legislatore italiano. In positivo come in negativo. E' una cartina di tornasole.
Il "senso unico eccetto bici" non è l'unico accorgimento importante, ma certamente è uno dei tasselli fondamentali della nuova mobilità, che dovrebbe sorreggere l'intero impianto del nuovo codice della strada.
Il doppio senso per le bici favorisce i ciclisti, e dunque lo sviluppo della mobilità ciclistica, migliora la sicurezza stradale (grazie alla reciproca visibilità segnalata) e costituisce un elemento di completamento a basso costo della rete ciclabile (raccordando, ad esempio, zone a traffico moderato, corsie e piste ciclabili fino a costituire una maglia diffusa).
In questo senso si tratta di una misura che deve essere prevista e non ostacolata (attenzione quindi anche agli  specchietti per le allodole). Tenendo altresì conto del fatto che già oggi alcune amministrazioni l'hanno adottata (ad es. Reggio Emilia, Bolzano, Lodi), nonostante la mancanza di una esplicita previsione normativa, ma che la pavidità della politica risulta spesso in ostaggio di pareri tecnici che contestano (o limitano fortemente) l'applicabilità dei "sensi unici eccetto bici" nell'attuale panorama legislativo. Questi pareri quindi hanno costituito potenti alibi nei confronti di amministratori e tecnici locali, di fatto ostacolando lo sviluppo di una ciclabilità in molti casi promessa a parole, o continuamente confinata all'interno di piste ciclabili.
L'alibi deve cadere. Per questo la modifica normativa risulta IRRINUNCIABILE.

Twitter

Twitter response: "Could not authenticate you."