Articoli

Stampa

In bici in zona rossa

Scritto da Super User. Postato in Notizie

L'ultimo DPCM di inizio novembre ha posto nuove limitazioni agli spostamenti anche per chi si muove in bicicletta.

L'Ufficio Legale della FIAB ha analizzato il decreto per stabilire delle linee guida utili per i ciclisti:

Andare in bicicletta: quali sono i limiti con il nuovo dpcm?

Ovviamente il nostro consiglio è di limitare gli spostamenti a quelli necessari, rispettando sempre le norme di distanziamento.

Stampa

Censimento 2020: boom di ciclisti

Scritto da Super User. Postato in Notizie

Il 16 settembre 2020 Fiab Milano Ciclobby ha effettuato il mini Censimento dei ciclisti urbani. La percezione visiva del notevole aumento di ciclisti che da alcuni mesi, a seguito della nuova infrastruttura ciclabile in sola segnaletica, transitano sull'asse Buenos Aires-San Babila ci ha spinto a fare una verifica oggettiva e numerica su questo tratto.
Si sono rilevati i passaggi da e per il centro nell'arco di dodici ore di una giornata lavorativa, impegnando circa 50 volontari. Sono state conteggiate le biciclette di proprietà e quelle in sharing; pur non avendo un dato storico, abbiamo conteggiato anche i monopattini.

Le postazioni:

  • corso Venezia angolo via Senato
  • corso Venezia/Planetario
  • corso Buenos Aires angolo viale Tunisia

I dati si riferiscono ai passaggi in entrambe le direzioni (in entrata verso il centro/in e in uscita verso Loreto/out) rilevati dalle 7.30 alle 19.30:

  • Venezia/Senato: passa da 3241 del 2019 a 5744 del 2020 con un aumento percentuale del 77%
  • Venezia/Planetario: non abbiamo i dati 18 e 19; il 2017 indicava 4621 passaggi; nel 2020 sono 7077 passaggi, pari a +53%
  • Buenos Aires/Tunisia: passa da 3041 del 2019 a 6754 pari ad un aumento del 122%.
  2019  2020 
Postazione Totale Sharing Totale Sharing Monopattini
Venezia/Senato 3241 380 5744 566 875
Venezia/Planetario     7077 682 989
Buenos Aires Tunisia 3041 274 6754 509 948

N.B. lo sharing è un "di cui" del totale. I monopattini invece si aggiungono al totale delle bici.

SHARING

Scorporando i dati totali che comprendono sia le bici di proprietà che quelle in sharing, rileviamo un aumento in percentuale meno rilevante, ma pur sempre importante.

  • Venezia/Senato: passa da 380 del 2019 a 566 del 2020 con un aumento percentuale del 49%
  • Venezia/Planetario: il 2017 indicava 654 e passa a 682 nel 2020 +4%
  • Buenos/Aires/Tunisia: passa da 274 del 2019 a 509 pari ad un aumento 86%

Per altre informazioni e dettagli sulle rilevazioni rimandiamo al documento allegato (vedi in fondo all'articolo).

CONCLUSIONI

L'aumento percepibile a vista del numero di ciclisti sull'asse San Babila-Buenos Aires (e ora anche Viale Monza) è confermato dai numeri: le infrastrutture in sola segnaletica create nel giro di pochi mesi hanno messo i cittadini in condizioni di sentirsi in maggiore sicurezza.
Determinante è stato il contribuito fornito dalle importanti modifiche al Codice della Strada (*) che hanno dato l'opportunità agli amministratori di progettare e realizzare in tempi estremamente brevi quelle soluzioni di mobilità urbana sostenibile che da tempo chiedevamo contribuendo a far crescere quella rete di percorsi necessari per collegare tutto il territorio comunale estendendolo, quando possibile, anche a quello metropolitano.

Le bike lane e le corsie ciclabili stanno contribuendo ad educare le persone alla condivisione dello spazio che prima era di esclusivo dominio di coloro che guidano i mezzi motorizzati, i quali ora avvertono di non essere più i soli a utilizzare le strade: si sta facendo strada – è il caso di dire – il concetto di condivisione dello spazio.

(*) i nuovi strumenti normativi sono previsti dal "Decreto Rilancio", convertito in legge il 17-7-2020 e dal "Decreto Semplificazioni", convertito nella Legge 120/2020.


Stampa

COVID-19: Nuova sospensione attività

Scritto da Super User. Postato in Notizie

Cari amici e cari soci di Fiab Milano CICLOBBY,

viste le disposizioni contenute nel DPCM in vigore dalla mezzanotte del 6 novembre 2020 siamo nuovamente costretti a limitare le nostre attività.

  • Sono sospese sine die le attività in sede e le gite in città e fuori città.
  • L'associazione continua ad essere operativa ma la sede sarà chiusa al pubblico sino a nuova comunicazione.
    La segreteria sarà comunque raggiungibile via Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. . Il martedì e il mercoledì dalle 15 alle 18 sarà possibile anche comunicare via telefono (02 69311624).
  • È possibile iscriversi o rinnovare la tessera per il 2021 online.

Fiab Milano CICLOBBY invita i propri soci ad adottare anche individualmente comportamenti responsabili, seguendo tutte le misure di precauzione richieste dalle Autorità per contrastare la diffusione del contagio.

per FIAB Milano Ciclobby
Guia Biscaro
presidente

Milano, 6 novembre 2020


 

Stampa

Quote di partecipazione alle nostre attività

Scritto da Super User. Postato in Notizie

Dal 1º novembre 2020 entreranno in vigore una modifica al regolamento e l'adeguamento delle quote di partecipazione alle nostre attività.

Quote di partecipazione

  • Giri cittadini (si intende in Milano)
    • Quota soci: 3 EURO
    • Quota non soci: 5 EURO
  • Gite (cicloescursioni, MTB, fine-settimana, ecc.)
    • Quota soci: 3 EURO
    • Quota non soci: 10 EURO
      Nel caso il partecipante decida di iscriversi o rinnovare la tessera, avrà diritto ad uno sconto di 7 EURO sulla quota di iscrizione annuale.

Le quote si intendono giornaliere, per uscite di più giorni la quota va moltiplicata per il numero di giorni. Per i cicloviaggi è necessario essere già soci.

Partecipazione non soci

Le attività organizzate dalla nostra associazione sono rivolte ai soci, non siamo né un'agenzia di viaggi né un tour operator ma ci occupiamo di promuovere l'utilizzo della bici non solo per gli spostamenti quotidiani ma anche nella forma del cicloturismo, nel rispetto dell'ambiente, del territorio e delle economie locali.
A chi ancora non fa parte dell'associazione consentiamo di partecipare ad una sola attività in modo da poterci conoscere e poi iscriversi.
Per assecondare questo spirito il Consiglio Direttivo ha deciso di chiedere una quota relativamente alta per la partecipazione alle gite dei non soci, offrendo in cambio la possibilità di vedersi restituita parte della quota nella forma di sconto per l'iscrizione all'associazione.

Il senso di questa scelta è quello di premiare chi decide di dare il proprio sostegno all'associazione iscrivendosi.
Più siamo e più contiamo non è solo uno slogan.

 

[Foto di copertina di Jonathan Brinkhorst su Unsplash]


 

Stampa

Rimozione selvaggia

Scritto da Super User. Postato in Notizie

Il Comune di Milano ha lanciato un nuovo servizio di rimozione che riguarderà sia monopattini sia biciclette, in sharing o di proprietà, che vengono lasciati in sosta vietata intralciando il passaggio dei pedoni. [ →Comune. Al via la rimozione di monopattini e biciclette in sosta vietata]

Giusto, i marciapiedi devono essere liberi da tutti gli ostacoli che ne impediscano la fruizione per la quale sono destinati, cioè per la mobilità di chi va a piedi.

Il Comune ha deciso che monopattini e biciclette lasciati in sosta vietata intralciando il passaggio dei pedoni, verranno rimossi "con l'ausilio delle pattuglie di Polizia locale che controllano il territorio e che richiederanno l'autocarro per la rimozione su tutto il territorio comunale."

Partendo dal principio - che condividiamo - che "il rispetto delle regole da parte di tutti è fondamentale, anche per quel che riguarda la sosta. Monopattini e biciclette non devono diventare un ostacolo o un intralcio", come hanno commentato la vicesindaco Anna Scavuzzo e l'assessore alla Mobilità Marco Granelli, CHIEDIAMO al Comune che la stessa attenzione e lo stesso rigore vengano messi in atto nei confronti della sosta illegale dei veicoli e degli scooter sui marciapiedi, pratica che da decenni è inspiegabilmente tollerata, se non favorita (v. sosta a cavallo tra carreggiata e marciapiede di via Stendhal, via Seprio, via Modena, via Friuli, etc.) senza che ciò abbia mai comportato un'azione così determinata.

CHIEDIAMO che questa necessaria azione di sgombero dei marciapiedi cominci con la rimozione di veicoli e scooter, che dei marciapiedi sono i più vecchi e ingombranti invasori.