Avviso

A partire dal 1º marzo 2021 per l'apertura della sede e della segreteria e per la partecipazione alle attività cicloturistiche e ai giri cittadini fare riferimento allo schema qui sotto.

LOMBARDIA IN ZONA ROSSA
La sede è chiusa al pubblico
È possibile contattare la segreteria via telefono allo 02 69311624 il martedì e il mercoledì dalle 16 alle 19.
Attività cicloturistiche, giri cittadini e attività in sede sono sospese.

LOMBARDIA IN ZONA ARANCIONE
La sede è aperta al pubblico il martedì e il mercoledì dalle 16 alle 19.
L'accesso è soggetto alle regole di distanziamento.
Negli stessi giorni e orari è possibile contattare la segreteria via telefono: 02 69311624.
Attività cicloturistiche, giri cittadini e attività in sede sono sospese.

LOMBARDIA IN ZONA  GIALLA
La sede è aperta al pubblico il martedì e il mercoledì dalle 16 alle 19.
L'accesso è soggetto alle regole di distanziamento.
Negli stessi giorni e orari è possibile contattare la segreteria via telefono: 02 69311624.
Attività cicloturistiche e giri cittadini si svolgono regolarmente, le attività in sede sono sospese.

La segreteria è comunque raggiungibile via email segreteria@ciclobby.it.
Puoi iscriverti o rinnovare la tessera per il 2021 online con Paypal o carta di credito oppure con bonifico bancario alla pagina: http://www.ciclobby.it/cms/diventa-socio/come-iscriversi

Per la partecipazione alle attività si faccia riferimento al seguente articolo per le norme di comportamento: Norme attività di FIAB Milano Ciclobby


 

Stampa

Censimento ciclisti 2016: balzo in avanti

Scritto da Super User. Postato in Censimenti dei Ciclisti

(Foto di Maria Gabriella Berti)

Il sedicesimo censimento conferma il constante aumento dei ciclisti urbani visto fin dalle prime rilevazioni iniziate nel 2003. I dati parziali di quest'anno in particolare registrano un balzo in avanti con un  incremento a due cifre rispetto all'anno precedente mai riscontrato in passato.

Mercoledì 28 settembre 2016, Fiab Milano Ciclobby ha effettuato il 16° censimento dei ciclisti milanesi.

Il rilevamento si è svolto grazie alla disponibilità di più di 60 volontari dell'associazione, che si sono dati il turno alle postazioni situate lungo la cerchia dei navigli e hanno conteggiato i passaggi dei ciclisti da e per il centro città.

Le postazioni "storiche", attive per 12 ore (dalle 07.30 alle 19.30) sono:

  • via Beltrami / piazza Cairoli
  • Porta Romana / via Santa Sofia
  • corso Venezia / via Senato
  • corso Venezia (Planetario)
  • Porta Vittoria / largo Augusto
  • corso Magenta / via Carducci

Da qualche anno è stata attivata la postazione Buenos Aires/Tunisia per il conteggio del modal split, cioè il passaggio da e per il centro, di biciclette, moto e auto.
La postazione, attiva per 5 ore (dalle 07.30 alle 12.30), ha richiesto la presenza di 25 volontari.

Quest'anno sono state introdotte due novità.

L'Agenzia Mobilità Ambiente Territorio del Comune di Milano (AMAT) ha ottenuto la registrazione delle immagini delle telecamere poste ai varchi di area C - e non solo - con lo scopo di ottenere dati su un numero maggiore di ingressi al centro (17 varchi) e di ore di rilevazione (dalle 07.00 alle 20.00/24.00).

L'altra novità è data dall'utilizzo della App del progetto BikeToWork: FIAB estrarrà ed elaborerà i dati, registrati dalla piattaforma LOVETORIDE, di tutti gli iscritti milanesi alla Bike Challenge, in atto dal 16 settembre al 31 ottobre 2016; saranno presi in considerazione I dati riferiti al giorno del censimento.

Il recupero, l'elaborazione e la messa a confronto di tutti i dati richiederanno parecchio tempo.
Per poter anticipare qualche numero, abbiamo elaborato un campione di dati, utilizzando le rilevazioni delle tre postazioni più significative, nella fascia oraria 07.30-13.30, comparandoli con quelli dell'anno precedente.

Questi i risultati.
Nota bene:
I risultati qui presentati considerano i passaggi nella loro totalità, senza distinzione; le rilevazioni; effettuate da Fiab Milano Ciclobby differenziano le bici proprie dalle bici BikeMi; i dati suddivisi saranno indicati nel report finale.

  • via Beltrami/piazza Cairoli: si passa da 1.700 passaggi del 2015 a 1.958 passaggi nel 2016, con un aumento del 15,11%;
  • porta Romana/via Santa Sofia: si passa da 919 a 944, con un aumento del 2,72%;
  • corso Venezia/via Senato: si passa da 1.649 passaggi a 2.057, pari ad un aumento percentuale del 24,74%

Sommando tutti i passaggi qui considerati (2015 = 4.269; 2016 = 4.959), si riscontra un aumento del 16,16 % di passaggi dei ciclisti da e per il centro città.

Alcune considerazioni a caldo su questi dati parziali.

L'aumento dei passaggi è avvenuto nella postazione via Beltrami/largo Cairoli: i ciclisti provengono (e si dirigono) da un'area pedonale, dotata di infrastrutture ciclabili; siamo in area C; la stazione Cadorna, con un prelievo di BikeMi mattutino molto sostenuto, è poco lontana.

L'altro significativo aumento si è registrato nella postazione corso Venezia/via Senato: è una direttrice importante, lineare, cha a tratti presenta percorsi dedicati alla bicicletta; il servizio del BikeMi (che anche da una percezione visiva è fortemente utilizzato su questo tratto) è disponibile alle stazioni MM linea 1, a partire dalla fermata Loreto, lungo tutto il tracciato che è in parte interno ad area C.

Dove l'aumento è stato minimo è lungo l'asse di corso di porta Romana: una strada stretta, percorsa dal tram, con la presenza di rotaie e pavè, traffico veicolare sostenuto in termini di numeri e di velocità, dove perciò il transito in bici è percepito difficoltoso se non addirittura pericoloso.
Evidentemente, questa direttrice da e per il centro, è tanto importante quanto insicura ad essere percorsa in bicicletta.

La crescita del numero dei passaggi dei ciclisti si è verifica nelle due postazioni che hanno precise caratteristiche: linearità di percorso, presenza di percorsi dedicati alle biciclette, ridotto traffico automobilistico.
Dove ci sono condizioni che creano sicurezza o che ne aumentano la percezione, aumentano gli spostamenti in bicicletta.
In sostanza, percorsi privilegiati, l'assenza o la riduzione dei veicoli e delle loro velocità, sono le condizioni primarie per favorire la mobilità ciclistica.

Guia Biscàro
Presidente Fiab Milano Ciclobby


Rassegna Stampa

http://www.sportal.it/articoli/ciclismo/news/a-milano-i-ciclisti-sono-sempre-di-pi/1087468/

http://www.ecoincitta.it/fiab-milano-ciclobby-ha-effettuato-il-16-censimento-dei-ciclisti-milanesi/

http://www.ilgiornale.it/news/milano/aumentano-i-ciclisti-centro-sono-16-pi-1314126.html

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2016/10/04/ciclisti-un-esercito-che-avanzaMilano09.html?ref=search