Pestando l’acqua nel mortaio

Valutazione attuale:  / 0

Sul tema della partecipazione al Tavolo Permanente della Ciclabilita' segnaliamo l'editoriale del presidente Eugenio Galli che compare sul numero 3/2013 di Ciclobby Notizie, pubblicato nelle scorse settimane.

Pestando l’acqua nel mortaio

18 mesi di Tavolo Permanente della Ciclabilità

Sull'onda del vivace dibattito e del consenso raccolto dal movimento #Salvaiciclisti, l'amministrazione comunale di Milano, qualche giorno prima della manifestazione nazionale del 28 aprile 2012 organizzata a Roma ai Fori Imperiali, accoglieva la proposta, lanciata dal movimento con un appello intitolato "Caro Sindaco" indirizzato a tutte le amministrazioni italiane, di istituire un luogo di confronto periodico sui temi della ciclabilità.

Nasceva così il Tavolo Permanente della Ciclabilità. Tavolo informale e politico, assai più che tecnico, che, nell'arco del suo primo anno e mezzo di vita, ha visto confrontarsi una volta al mese vari soggetti attivi nel campo della ciclabilità con assessori e tecnici, in particolare dei settori Mobilità e Sicurezza e con l'Agenzia per la Mobilità del Comune (Amat).

MANIFesta in zona Sarpi

Valutazione attuale:  / 0

MANIFesta

Nel pomeriggio di domenica 15 dicembre, nelle strade del quartiere Sarpi-Canonica, si è svolta la prima manifestazione di cittadini di Milano, e forse d' Italia, per ottenere una zona 30 con isola ambientale.

I cartelli dei manifestanti chiedevano aria pulita, no al passaggio dei furgoni commerciali inquinanti, più sicurezza e vivibilità e la zona 30, isola ambientale con severe limitazioni al traffico inquinante dei furgoni commerciali che si vanno a rifornire dai grossisti cinesi in tutte le ore del giorno e anche la domenica in barba ai divieti regionali che proibiscono la circolazione dei veicoli inquinanti in tutto il periodo invernale.

La manifestazione è stata indetta dalla associazione Vivisarpi con la collaborazione del comitato Sarpiciclabile sulla base di un progetto di isola ambientale che era stato disegnato dalla associazione FIAB Ciclobby più di due anni fa all'interno del progetto Ciclomilano, ed era già stato approvato dal consiglio di zona.

La manifestazione intendeva sollecitare l'amministrazione comunale a realizzare presto questo intervento che nel progetto di Ciclobby richiederebbe una spesa molto contenuta in quanto prevede solo la apposizione della opportuna segnaletica, la modifica di alcuni sensi unici e la chiusura della strada di fronte alla scuola di via Giusti che è ora infestata da furgoni puzzolenti.

Il corteo era composto da diverse centinaia di persone precedute da due risciò e da mezzi ciclistici  di tutte le forme e dimensioni.
Uno dei partecipanti ha dichiarato: Non ci aspettavamo una partecipazione così forte anche per la contemporanea festa della parrocchia che ha diviso le forze.

Ciclobby era presente con alcuni suoi iscritti uno dei quali ha dichiarato:
La parrocchia era con noi nello spirito di semplicità e di riduzione dei consumi del nuovo corso della chiesa, la prossima volta ci organizzeremo meglio, spero assieme alla parrocchia e magari riusciremo a chiudere tutto il quartiere e non solo poche vie.

  Walter Monici - Gruppo Tecnico Fiab Ciclobby

Altre foto cliccando qui

Ambrogino d'Oro 2013 ai Genitoriantismog

Valutazione attuale:  / 3

Ambrogino Genitoriantismog

In occasione della cerimonia di consegna degli "Ambrogino d'Oro", i Genitori Antismog insigniti quest'anno dell'Attestato di Civica Benemerenza, hanno recapitato nelle mani del sindaco Giuliano Pisapia una lettera aperta, simbolicamente posta in una grande busta trasparente, con la quale chiedono più coraggio sulle politiche ambientali e di mobilità, come l'allargamento di Area C e l'istituzione di zone franche dall'auto intorno a tutte le scuole di Milano.

Hanno aderito alla lettera aperta, sottoscrivendola, associazioni come Italia Nostra, FIAB Ciclobby, Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, e personalità milanesi. Fra i firmatari: i medici Vittorio Krogh dell'Istituto nazionale dei Tumori, Pier Mannuccio Mannucci della Fondazione IRCSS dell'Ospedale Maggiore Policlinico, i giornalisti CorradoStajano e Daria Bignardi, l'economista Marco Vitale, e tanti esponenti del mondo dell'imprenditoria, dello spettacolo come Filippa Lagerbäck, del design come Italo Lupi, della comunicazione come Anna Maria Testa. In allegato la lettera aperta e l'elenco dei firmatari e sottoscrittori.

Allegati:
Scarica questo file (Elenco_firmatari_lettera_GA.pdf)Elenco_firmatari_lettera_GA.pdf[Elenco firmatari]416 Kb
Scarica questo file (Un_Ambrogino_per_l_aria__le.pdf)Un_Ambrogino_per_l_aria__le.pdf[Lettera aperta al Sindaco di Milano]85 Kb

Perché i furti delle bici non fanno notizia

Valutazione attuale:  / 0

bici rubataEugenio Galli, presidente di FIAB Ciclobby, ha pubblicato sul blog I Milanesi del Corriere Milano un articolo con alcune riflessioni sul fenomeno del furto delle biciclette:

http://milanesi.corriere.it/2013/12/04/perche-i-furti-delle-bici-non-fanno-notizia/

Su PartecipaMI.it è possibile seguire una discussione da parte di vari cittadini ed intervenire esprimendo la propria opinione:

http://www.partecipami.it/infodiscs/view/4109#body_20642

FIAB si è fatta promotrice di varie iniziative per mettere in evidenza il fenomeno. Sul sito FIAB c'è una sezione specifica ad esse dedicata:

http://fiab-onlus.it/bici/attivita/campagne-ed-interventi/lotta-al-furto.html

Risultati dell'indagine nazionale della FIAB sui furti di biciclette

Valutazione attuale:  / 0

Ogni anno, nel nostro Paese, vengono rubate circa 320.000 biciclette: per i ciclisti italiani la paura di essere derubati è seconda solo a quella di essere investiti. Ecco i risultati della 1° indagine nazionale sui furti di biciclette, condotta da FIAB (giovedì 21 novembre a Milano  il convegno "Ladri di biciclette. Ieri, oggi. E domani?"  per definire linee per il contrasto al furto delle biciclette).

Leggi il resto dell'articolo sul sito FIAB

Domeniche a piedi: delusione per la rinuncia

Valutazione attuale:  / 0

La rinuncia alle domeniche a piedi  - è di questo che si tratta - ci delude profondamente nel merito e nel metodo.

Nel merito, perché si è passati da una non necessaria sovrabbondanza (gratuità e sconti, sino alla tariffa giornaliera del biglietto ATM) al ritorno puro e semplice del traffico privato, per ora mitigato con iniziative a macchia di leopardo, abbandonando quelle giornate collettive di liberazione che sono state e sono importanti per ispirare una mobilità diversa nell'intera città.

Ci sembra che questa decisione sia ispirata soprattutto da una logica rinunciataria, in assenza di una vera controproposta e di una visione ampia e condivisa.

Nel metodo, poi, perché  nonostante le promesse di condivisione non si è svolto nessun confronto, e non vi è stato neanche un tentativo di coinvolgerci per cercare una soluzione comune ai problemi economici dell'iniziativa.

La decisione è stata trattata come se la Giunta stesse decidendo di rinunciare a una sua festa. Dimenticando che le associazioni ambientaliste in questi anni non solo hanno chiesto e sostenuto scelte importanti in tema di ambiente e mobilità sostenibile, ma sono state anche parte attiva nella organizzazione di iniziative durante le DomenicheAspasso.

Abbiamo creduto nel valore culturale nelle DomenicheAspasso, assai maggiore della capacità di incidere sulla riduzione efficace e stabile delle emissioni inquinanti. E proprio per il significato di investimento culturale sulla città le abbiamo sostenute, collaborando alla loro realizzazione. Ci spiace che nessuno abbia sentito il dovere di coinvolgerci dimostrando così scarsa attenzione alla cultura della partecipazione che pure si è largamente propagandata.

Eugenio Galli (Ciclobby onlus)

Anna Gerometta (Genitori Antismog)

Damiano Di Simine (Legambiente Lombardia)

Paolo Hutter (associazione Eco dalle Città)

Paola Brambilla (WWF Lombardia)

Marco Parini (Italia Nostra)

Twitter

Infomobilità Milano

Gli avvisi sulla mobilità si fermano qui, per oggi. Torniamo attivi domani, dalle 7. Buona serata dalla Centrale Operativa di #Milano

by Infomobilità Milano