Avviso

A partire dal 1º marzo 2021 per l'apertura della sede e della segreteria e per la partecipazione alle attività cicloturistiche e ai giri cittadini fare riferimento allo schema qui sotto.

LOMBARDIA IN ZONA ROSSA
La sede è chiusa al pubblico
È possibile contattare la segreteria via telefono allo 02 69311624 il martedì e il mercoledì dalle 16 alle 19.
Attività cicloturistiche, giri cittadini e attività in sede sono sospese.

LOMBARDIA IN ZONA ARANCIONE
La sede è aperta al pubblico il martedì e il mercoledì dalle 16 alle 19.
L'accesso è soggetto alle regole di distanziamento.
Negli stessi giorni e orari è possibile contattare la segreteria via telefono: 02 69311624.
Attività cicloturistiche, giri cittadini e attività in sede sono sospese.

LOMBARDIA IN ZONA  GIALLA
La sede è aperta al pubblico il martedì e il mercoledì dalle 16 alle 19.
L'accesso è soggetto alle regole di distanziamento.
Negli stessi giorni e orari è possibile contattare la segreteria via telefono: 02 69311624.
Attività cicloturistiche e giri cittadini si svolgono regolarmente, le attività in sede sono sospese.

La segreteria è comunque raggiungibile via email segreteria@ciclobby.it.
Puoi iscriverti o rinnovare la tessera per il 2021 online con Paypal o carta di credito oppure con bonifico bancario alla pagina: http://www.ciclobby.it/cms/diventa-socio/come-iscriversi

Per la partecipazione alle attività si faccia riferimento al seguente articolo per le norme di comportamento: Norme attività di FIAB Milano Ciclobby


 

Furti di bici: alcuni doverosi chiarimenti

Valutazione attuale:  / 6

Siamo favorevoli alla adozione di una visione nazionale – saldamente ancorata alle best practices internazionali – in tema di repressione del furto di biciclette, con l'adozione di un sistema finalizzato a consentire il riconoscimento delle bici rubate, il loro recupero e la restituzione al legittimo proprietario.

Questa, - oltre a rispondere a una richiesta da molti anni inascoltata della nostra associazione – ci sembra l'unica chiave di lettura sostenibile rispetto alla posizione assunta oggi dall'Amministrazione comunale milanese, attraverso l'assessore Maran, con una lettera indirizzata al Governo (per la precisione al ministro dell'ambiente Clini) e di cui abbiamo appreso dai media.

Poiché però non vorremmo che, nella creatività che caratterizza il nostro Paese e la stessa Milano, su questo tema delicato, importante ed urgente, venissero date letture distorte, più o meno interessate, né che venissero assunte decisioni equivoche, confuse o frutto di scelte che nulla hanno a che vedere con la reale tutela dell'utente finale (il ciclista quotidiano), fornendo alibi e paraventi ad altri scopi, più o meno espliciti, desideriamo mettere bene in evidenza alcuni punti.

La marchiatura della bici deve essere facoltativa, nel senso che deve caratterizzarsi in un'ottica di servizio all'utenza, e non invece costituire oggetto di un obbligo o un presupposto per altre finalità non dichiarate (ad es. per il reperimento di "nuove" fonti di gettito). Diversamente, deve essere chiaro che la posizione della nostra associazione sarebbe risolutamente contraria.

Va poi chiarito che l'efficacia di un simile sistema dipende da due elementi, entrambi coessenziali.

Da un lato, l'hardware che fisicamente consente di rendere riconoscibile la bici e che, oggi, annovera varie possibili modalità tecniche di diversa complessità: fresatura di un codice sul telaio, etichette adesive inamovibili, microchip, etc. Altrettanto importante è la parte software, cioè il database nel quale confluiscono le matricole delle sole biciclette di cui viene denunciato il furto, e che in tal modo entrano in una black list. Questa base dati, accessibile alle forze dell'ordine e ad altri soggetti abilitati, deve a nostro parere essere pubblica e istituzionale (dunque, non privata o acquistabile dietro pagamenti di licenze d'uso).

Questo si aggiunge alle numerose altre proposte che la nostra associazione ha avanzato, sia localmente sia a livello nazionale, su questo tema. Non ultima la necessità di un maggiore controllo del territorio per evitare che vi siano delle "zone franche" in cui notoriamente e nell'indifferenza delle forze dell'ordine avviene il commercio delle bici rubate. Che, oltre ad alimentare il circuito in modo perverso, configura anche due fattispecie penalmente rilevanti: la ricettazione, per colui che vende, e l'incauto acquisto, per il compratore.

Eugenio Galli (presidente Fiab Ciclobby e responsabile Servizio legale FIAB)

 

Furti di bici: perchè a molti “onesti” va bene comprarsela rubata?

Stati Generali della Bicicletta: rassegna stampa

Valutazione attuale:  / 1

Due ruote nei sapori d'autunno rinviata

Valutazione attuale:  / 0

La pedalata enogastronomica nel territorio dell'Abbiatense è stata rinviata al 7 ottobre.

Trovate tutte le informazioni nell'articolo qui sotto, ovviamente la data non è il 30 settembre!

Acquisto biglietti:
A differenza di quel che e' indicato nell'articolo originale e nella locandina, i biglietti di iscrizione non sono disponibili presso la sede di Ciclobby.
Contattare invece il numero 02 94692458 per prenotarli o contattare la Fondazione perf la promozione dell'Abbiatense.

Due ruote nei sapori d'autunno

Stati Generali della Bicicletta: è conto alla rovescia

Valutazione attuale:  / 0

Tutto il mondo della mobilità ciclistica il 5 e 6 ottobre a Reggio Emilia

Esperti di mobilità sostenibile italiani ed esteri, amministratori di ogni livello, locale, regionale e nazionale, associazioni e organizzazioni che si occupano di qualità urbana si danno appuntamento il 5 e 6 ottobre 2012 a Reggio Emilia per gli Stati Generali della Bicicletta e della Mobilità Nuova.

L'evento, a carattere nazionale, è promosso da Federazione Italiana Amici della Bicicletta (Fiab), Legambiente, Associazione Comuni Italiani (ANCI) e #salvaiciclisti, insieme al Comune di Reggio Emilia.

Sarà un momento di confronto e di lavoro di tutte le realtà nazionali interessate al mondo della bicicletta per elaborare proposte concrete e soprattutto vincolanti a favore di una mobilità più sicura e sostenibile anche nelle nostre città.

Sul sito FIAB è possibile trovare il programma dettagliato dell'evento http://www.fiab-onlus.it/download/SGB2012_Programma.pdf e le modalità per partecipare http://www.fiab-onlus.it/download/SGB2012_Come_Partecipare.pdf

Sul sito internet http://www.comune.re.it/italiacambiastrada , invece, sono disponibili:

- il Manifesto degli Stati Generali, un documento che presenta un quadro sintetico della situazione in materia di mobilità, ma soprattutto contenuti e parole chiave che racchiudono il senso e la volontà alla base di questa iniziativa. Sul sito stesso è possibile, sin da ora, aderire al Manifesto, compilando l'apposito form;
- come raggiungere la sede del congresso;
- convenzioni con hotel;
- il programma "off"
e altre informazioni su Reggio Emilia e gli stati Generali della Bicicletta.

È possibile partecipare come relatore, secondo le modalità descritte nella brochure SGB2012_ComePartecipare o come Uditore.

In realtà grande parte del lavoro consisterà nel redigere cinque documenti che si propone siano vincolanti per il governo, parlamento e amministrazioni locali. A tal fine sono stati organizzati cinque gruppi di lavoro nei temi

1. Normativa (Modifiche Codice della Strada e altre norme correlate);
2. Organizzazione mobilità urbana (Moderazione del traffico, Zone 30, sicurezza);
3. Governance (Politiche nazionali, allocazione risorse, investimenti, incentivi, disincentivi, ufficio nazionale);
4. Cultura, educazione (Formazione, informazione, comunicazione, Educazione, Promozione);
5. Reti ciclabili (Rete ciclabile nazionale e reti locali)

Ad ogni Gruppo di lavoro partecipano referenti delle varie associazioni, ma gran parte del lavoro sarà portato avanti da FIAB.

I referenti di FIAB per i gruppi di lavoro sono:

1. Normativa (Modifiche Codice della Strada e altre norme correlate)
Enrico Chiarini 335/8243056 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Edoardo Galatola 348/2269002 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

2. Organizzazione mobilità urbana (Moderazione del traffico, Zone 30, sicurezza)
Marco Passigato 398/2332981 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Roberto Di Bussolo 340/0918540 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

3. Governance (Politiche nazionali, allocazione risorse, investimenti, incentivi, disincentivi, ufficio nazionale)
Antonio Dalla Venezia 340/7317306 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Raffaele Sforza 320/0313836 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

4. Cultura, educazione (Formazione, informazione, comunicazione, Educazione, Promozione, obiettivo: far crescere L'opinione pubblica sul tema)
Valerio Parigi 335/7805989 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Bibi Bellini 328/4613319 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

5. Reti ciclabili (Rete ciclabile nazionale e reti locali)
Claudio Pedroni 338/8324759 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Romolo Solari 320/0371128 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Un comitato scientifico composto da Maria Berrini per Legambiente, Matteo Dondè per #salvaiciclisti, Edoardo Galatola per FIAB e Maria Rosa Vittadini per il Comune di RE provvederà a validare i documenti prodotti dai gruppi di lavoro.

Chi volesse contribuire con documenti, materiali, proposte anticipatamente può inviarli entro il 29 settembre ai referenti FIAB che provvederanno ad integrarli e presentarli per la stesura del documento finale. In tal caso sarà possibile registrarsi come uditori ed i referenti FIAB provvederanno a fare partecipare alla sessione specifica.

Per qualsiasi richiesta di chiarimento/approfondimento è possibile contattare i referenti dei gruppi di lavoro.

Per riferimenti organizzativi a Reggio Emilia invece rivolgersi a:

Dott.ssa Sara Cavazzoni
Comune di Reggio Emilia - Politiche per la Mobilità
Via Emilia San Pietro, 12 - 42121 Reggio Emilia RE
Tel. 0522/456338 - Fax 0522/456457
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.municipio.re.it/nuoveideeincircolazione

Lello Sforza
Responsabile Ufficio Stampa FIAB onlus
(Federazione Italiana Amici della Bicicletta)
Tel. +39 3200313836
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Un Park(ing)day come tanti altri

Valutazione attuale:  / 0

Una delle tante contraddizioni della città di Milano e dei suoi abitanti risiede nel contrasto tra chi cerca di migliorare la qualità della vita propria e degli altri cittadini e chi invece sembra pensare solo ai propri interessi ed ai propri privilegi.

Censimento dei ciclisti: rimandato alla settimana prossima

Valutazione attuale:  / 1

Ci abbiamo provato ma la pioggia ha scoraggiato i ciclisti milanesi. Quindi non c'è molto da contare.

Il censimento è rimandato alla settimana prossima, probabilmente martedì 25 o mercoledì 26 settembre.
La settmana dal 24 al 30 settembre è previsto brutto tempo. La data provvisoria per il censimento è per il momento mercoledì 3 ottobre. Conferma nei prossimi giorni.

I rilevatori per ulteriori informazioni facciano riferimento a Vanna Bartesaghi e Valerio Montieri.

(Foto di Guia Biscaro)

Twitter

Infomobilità Milano

Gli avvisi sulla mobilità si fermano qui, per oggi. Torniamo attivi domani, dalle 7. Buona serata dalla Centrale Operativa di #Milano

by Infomobilità Milano