Avviso

A partire dal 1º marzo 2021 per l'apertura della sede e della segreteria e per la partecipazione alle attività cicloturistiche e ai giri cittadini fare riferimento allo schema qui sotto.

LOMBARDIA IN ZONA ROSSA
La sede è chiusa al pubblico
È possibile contattare la segreteria via telefono allo 02 69311624 il martedì e il mercoledì dalle 16 alle 19.
Attività cicloturistiche, giri cittadini e attività in sede sono sospese.

LOMBARDIA IN ZONA ARANCIONE
La sede è aperta al pubblico il martedì e il mercoledì dalle 16 alle 19.
L'accesso è soggetto alle regole di distanziamento.
Negli stessi giorni e orari è possibile contattare la segreteria via telefono: 02 69311624.
Attività cicloturistiche, giri cittadini e attività in sede sono sospese.

LOMBARDIA IN ZONA  GIALLA
La sede è aperta al pubblico il martedì e il mercoledì dalle 16 alle 19.
L'accesso è soggetto alle regole di distanziamento.
Negli stessi giorni e orari è possibile contattare la segreteria via telefono: 02 69311624.
Attività cicloturistiche e giri cittadini si svolgono regolarmente, le attività in sede sono sospese.

La segreteria è comunque raggiungibile via email segreteria@ciclobby.it.
Puoi iscriverti o rinnovare la tessera per il 2021 online con Paypal o carta di credito oppure con bonifico bancario alla pagina: http://www.ciclobby.it/cms/diventa-socio/come-iscriversi

Per la partecipazione alle attività si faccia riferimento al seguente articolo per le norme di comportamento: Norme attività di FIAB Milano Ciclobby


 

ATM: si amplia la sperimentazione del trasporto bici sui mezzi pubblici

Valutazione attuale:  / 6

Un altro importante passo avanti nella integrazione tra bici e trasporto pubblico.
Nei giorni scorsi, la Direzione di ATM, rispondendo alle richieste che abbiamo sottoposto in occasione degli incontri degli ultimi mesi, ci ha anticipato che dal prossimo 4 maggio prenderà il via un ampliamento della sperimentazione in corso.

Il trasporto delle biciclette sui mezzi pubblici, partito in via sperimentale lo scorso 25 ottobre sulle linee 2 e 3 della metropolitana, dal prossimo 4 maggio entrerà in una nuova fase con l'estensione anche alle linee metropolitane M1, M5 e ai tram delle linee 7 e 31.

A partire da questa data (che coincide fra l'altro con lo svolgimento della manifestazione nazionale per la "#Mobilità Nuova"), i ciclisti potranno infatti portare gratuitamente la propria bici su tutta la rete metropolitana dal lunedì al venerdì, dall'inizio del servizio alle 7,00, dalle 10,30 alle 16 e dalle 20 sino al termine del servizio; il sabato e la domenica l'accesso per le bici sarà gratuito per tutto il giorno.

Non siamo in Svizzera

Valutazione attuale:  / 1

GalliHo letto qualche giorno fa, con un certo stupore, che il presidente della Commissione mobilità del Consiglio comunale, Carlo Monguzzi, riterrebbe opportuna una consultazione referendaria sulle DomenicheAspasso indette dal Comune (http://milanesi.corriere.it/2013/04/08/domeniche-senzauto-forse-e-il-caso-di-fare-un-referendum/).
Questa proposta seguiva di poche ore la dichiarazione twittata dal noto conduttore tv Fabio Fazio che ha definito le DAS "una stupidaggine che complica la vita a tanta gente", e posizioni critiche di un certo rilievo, come quella di Edoardo Croci, che ritiene le DomenicheAspasso inutili sul fronte della lotta all'inquinamento.
Tralascerei per ora le polemiche di contorno per soffermarmi un attimo sull'esternazione del rappresentante di Palazzo Marino, che, oltre ad avere suscitato perplessità e malumori, appare difficilmente comprensibile e anche un poco autolesionista, sembrando quasi una fuga dalle proprie responsabilità. Poiché la responsabilità del politico, quando ricopre incarichi istituzionali, è anche quella di fare delle scelte, di rappresentare una visione e non solo quello di delegare le decisioni alla voce popolare.

Caro Monguzzi, non siamo in Svizzera: le consultazioni referendarie non si estendono a tutti i temi della vita civile e amministrativa, ma dovrebbero essere solitamente riservate a questioni di una certa rilevanza.
E' così rilevante l'impatto di 8 ore di fermo dei mezzi a motore di domenica una volta al mese da richiedere una consultazione referendaria? Andiamo...
L'amministrazione ha ricevuto un mandato a governare la città, lo usi con coraggio e buon senso e poi vedremo alle prossime elezioni quale sarà il giudizio dei milanesi.
Vorrei peraltro ricordare – pur non essendo stata la nostra associazione ufficialmente parte del Comitato promotore e avendo anzi a suo tempo espresso anche alcune considerazioni critiche – che Milano ha votato non uno, ma ben cinque referendum consultivi sui temi ambientali nel giugno 2011, la cui attuazione tarda ad arrivare, nonostante i molti consensi ricevuti, certamente anche per un problema di reperimento delle risorse necessarie. Cinque referendum i cui argomenti spaziavano su temi complessi, non decidibili con un sì o un no, difficilmente limitabili a un'unica azione e più idonei invece a caratterizzare un intero programma di governo. Basti citare il quesito che proponeva di «ridurre traffico e smog attraverso il potenziamento dei mezzi pubblici, l'estensione di "ecopass" e la pedonalizzazione del centro». O quello «per raddoppiare gli alberi e il verde pubblico e ridurre il consumo di suolo». O ancora quello che proponeva «la riapertura del sistema dei Navigli milanesi».
Se si ritiene che occorra dare alle DomenicheAspasso una energia nuova e diversa; se si pensa che sia utile farle crescere evitando che possano cristallizzarsi in formule rituali alla lunga poco attraenti; se si vuole cercare il modo di renderle ancora più vitali, inclusive, appetibili e coinvolgenti, mantenendo vivo uno spirito innovativo, noi siamo disponibili a ragionarci insieme e a dare per quanto possibile il nostro contributo in questa direzione. Immagino che questo possa essere un sentimento condiviso anche dagli altri soggetti che credono in queste iniziative, avendole già sostenute in modo attivo e concreto con l'organizzazione di eventi e appuntamenti per far vivere la città.
Ma deve essere chiaro che questa disponibilità non può durare se la politica, eludendo le proprie responsabilità e venendo meno al proprio ruolo di indirizzo, si muove con il passo del gambero, nella apparente assenza di una strategia coerente e denotando anche un certo grado di confusione.
Monguzzi ammette che quella delle DomenicheAspasso è principalmente un evento culturale che fa parte delle strategie antitraffico.
Ebbene, noi intanto vorremmo che quelle strategie venissero rafforzate, non indebolite. E, quanto alle DomenicheAspasso, proprio la loro caratterizzazione come leva culturale rende la programmazione un fatto necessario e irrinunciabile. Se si vogliono fare, si fanno così: annunciando per tempo un calendario e dando così la possibilità di organizzare quanto serve. Altrimenti, non ha neppure senso parlarne.

   Eugenio Galli (presidente Fiab Ciclobby onlus)

Una donna Presidente della Repubblica?

Valutazione attuale:  / 0

Per ora ci accontentiamo della prima donna eletta Presidente della Federazione Italiana Amici della Bicicletta!

Giulietta Pagliaccio, già consigliera nazionale e sino a qualche settimana fa coordinatrice delle associazioni FIAB della Lombardia, è stata eletta ieri a Vicenza durante l'assemblea annuale dei delegati.

I nostri migliori auguri di buon lavoro a Giulietta!

Un caloroso ringraziamento anche ad Antonio Dalla Venezia, presidente uscente, alla guida della FIAB dal 2007.

Durante l'assemblea è stato anche rinnovato il Consiglio Nazionale. Auguri a tutti i consiglieri, in particolare a Maria Gabriella Berti, socia e membro dei Direttivo di Ciclobby.

Articolo con altre informazioni sul sito FIAB.

Foto dei lavori dell'assemblea realizzate da Mariella Berti.

Il 5Xmille alla Fiab è serio o non è serio?

Valutazione attuale:  / 0

5x1000Fiab è una associazione sportiva o magari finalizzata a gite domenicali fra amici? Oppure il suo fulcro è l'ambiente, la mobilità, la qualità della vita, la salute etc. E perchè, come tante altre organizzazioni, chiede il 5x1000 ai suoi soci e simpatizzanti?

di Bepo Merlin

Avevo considerata chiusa la campagna a favore della firma del 5X mille alla Fiab, quando mi sono imbattuto in un battibecco assurdo tra un nostro socio e l'Associazione Fiab di Melegnano.
Sostiene l'amico contestatore che "E' poco serio elemosinare soldi per sovvenzionare associazioni dedite al divertimento , anche se avviene tramite lo sport" e "non è giustificato elemosinare soldi che verrebbero tolti per cause molto più serie e importanti . Doniamoli alla ricerca medica . Secondo questo assurdo ragionamento degli Amici-Fiab-Melegnano , dovremmo donare il 5 per mille anche alla Formula Uno , [...], tanto fanno attività sportiva anche loro. Suvvia siamo seri ".

Grande partecipazione all'assemblea di Ciclobby 2013

Valutazione attuale:  / 0

Presidenza dell'assembleaSi è svolta nel pomeriggio di sabato 2 marzo l'assemblea annuale dei soci di Fiab Ciclobby Onlus, occasione importante per fare il punto sulle attività dell'associazione, per interagire con quei soci che frequentano meno assiduamente la nostra sede, per rispondere a domande ed ascoltare proposte e suggerimenti.

Al tavolo di presidenza siedevano Eugenio Galli, presidente di Ciclobby e Stefania Fuso Nerini, vice-presidente, la quale ha condotto i lavori dell'assemblea.
Intorno a loro moltissimi soci, molti volti noti ma anche molti volti nuovi, non si era mai vista una sede così affollata durante un'assemblea. Un segnale importante, legato sia al forte aumento degli iscritti degli ultimi anni, sia all'interesse per la bici e la mobilità sostenibile in città.

Stefania Fuso Nerini ha aperto i lavori dell'assemblea illustrando l'ordine del giorno e descrivendo le modalità di intervento dei vari relatori.

Prima dell'inizio delle relazioni ha salutato i presenti Fabio Lopez, direttore del Progetto Ciclabilità del Comune di Milano, già direttore di MiBici, l'ufficio della bici della Provincia di Milano e da tempo socio ed amico di Ciclobby.

Sono quindi cominciati gli interventi dei vari gruppi di lavoro.

Vanna Bartesaghi, in sostituzione di Anna Pavan, ha presentato Bicinfesta di Primavera, ormai alle porte, invitando tutti i soci presenti ad aiutare e collaborare nella promozione di quello che è l'evento più importante e di maggiore visibilità dell'associazione.

Andamento iscrizioni CiclobbyA seguire è intervenuto Massimo Conter che, con grafici e statistiche, ha illustrato l'andamento delle iscrizioni ed una serie di informazioni come l'identikit del socio, la diffusione degli iscritti in città, la situazione del sito web e delle newsletter.

CicloturismoDi cicloturismo ha invece parlato Antonella Titomanlio, da qualche mese nuova coordinatrice delle attività che rappresentano l'altra anima di Ciìclobby.
Antonella ha ricordato ai presenti il motivo per cui Ciclobby promuove il cicloturismo, inquadrandolo nell'ambito delle attività di Fiab, ECF, della rete Bicitalia ed Eurovelo, senza dimenticare Albergabici e il Circuito delle Città d'Arte della Pianura Padana, tutti veicoli di promozione fondamentali.
Dopo aver illustrato i numeri del programma gite del 2013, indicando lunghezze e difficoltà medie e la differenziazione nell'offerta, Anotonella ha indicato quali sono gli obiettivi del suo mandato come coordinatrice:

  • diversificazione delle gite e maggiore creatività nelle proposte dei capigita
  • maggior numero di gite facili per attirare nuovi partecipanti
  • apertura verso i turisti stranieri in visita a Milano
  • maggior sintonia tra l'anima cicloturistica dell'associazione e quella più politico-lobbystica
  • più attenzione a raccontare le gite, utilizzando per questo Il Notiziario
  • partecipazione a vari progetti di promozione del cicloturismo legati ad Expo 2015
  • ricerca di nuovi capigita

MaranA questo punto Eugenio Galli ha invitato a parlare un socio d'eccellenza della nostra associazione, l'Assessore alla Mobilità del Comune di Milano Pierfrancesco Maran.
L'assessore ha spiegato ai presenti quali sforzi stia facendo la giunta Pisapia per promuovere l'utilizzo della bicicletta a Milano ed ha ricordato che di lì a poche ore si sarebbe svolto in Comune un incontro per illustrare il Piano della ciclabilità.
Quest'ultimo argomento ha dato modo ad Eugenio Galli di ricordare all'assessore Maran il disappunto per il fatto che Ciclobby è stata informata di questo evento solo pochi giorni prima del suo svolgimento e per la coincidenza con l'assemblea dei Soci che ha impedito all'associazione dei ciclisti milanesi di essere presente, ma che di fatto rappresenta a nostro modo di vedere una occasione mancata per favorire la partecipazione della città su questi temi.

Salutato con applausi l'assessore è arrivato il turno del Gruppo Tecnico, avente come portavoce in questa occasione l'architetto Guia Biscaro.
Gruppo TecnicoIl Gruppo Tecnico svolge un lavoro fondamentale, anche se poco visibile, per ottenere risultati concreti nella promozione della mobilità in bici e per trasformare la città in un luogo più a misura d'uomo, di pedone e di ciclista.
Il gruppo è formato soprattutto da architetti specializzati in mobilità urbana e ad esso è affidata la gestione di molti progetti che vedono coinvolta Ciclobby.
Guia ha illustrato le tantissime attività che si sono svolte nel 2012, alcune delle quali continuano anche quest'anno:

  • Vadoinbici, progetto partecipato in alcuni comuni dell'hinterland (assago, Cesano Boscone, Corsico)
  • Giromilano, classificazione delle vie milanesi per pemettere la creazione di percorsi (routing/navigatore) più adatti a chi si muove in bici (MilanoBiciMap)
  • Censimento dei ciclisti milanesi, giunto ormai all'undicesima rilevazione, permette di valutare l'andamento della mobilità in bici a Milano
  • Altre attività di vario tipo come BicInCampo, ricognizioni nelle aree Expo, stesura delle osservazioni al PGTU
  • Risposte alle segnalazioni dei soci e dei cittadini milanesi
  • Progettazione degli spazi urbani e della viabilità su richiesta di Consigli di Zona o altre associazioni/enti
  • Partecipazioni ad incontri tecnici con il Comune, i Consigli di Zona, associazioni.

Gruppo ScuolaPer illustrare le attività del Gruppo Scuola è intervenuta la coordinatrice Silvia Malaguti che, con grande passione, ha descritto il grosso impegno profuso per insegnare ai bambini in maniera creativa e divertente che ci si può muovere anche senza l'automobile, guidando i più piccoli alla scoperta dei cartelli, delle piste ciclabili, delle regole di convivenza tra i vari utenti della strada, del rispetto del Codice.

Maria Gabriella Berti, animatrice delle serate Bicimondo e degli incontri di presentazione di libri sulla bici ha raccontato l'origine ed i motivi del suo interesse per il viaggio, negli ultimi anni trasformatosi in viaggio in bici.
Mentre parlava scorrevano accanto  a lei le fantastiche immagini proiettate durante le serate Bicimondo, suscitando sicuramente in molti dei presenti il desiderio di abbandonare l'assemblea, montare sulla propria bici e raggiungere uno qualsiasi di quei bellissimi luoghi.

Un'altro dei campi in cui Ciclobby è particolarmente attiva, la promozione della sicurezza in bicicletta, è stata presentata in maniera entusiasmante e divertente da Marco Capecchi, coordinatore del gruppo Bicisicura.
Il gruppo si occupa di organizzare i seguitissimi corsi di manutenzione bici ma anche una serie di eventi in giro per la città per stimolare che va in bici ad avere cura del proprio mezzo, a mantenerlo in efficienza e soprattutto a controllare che freni e luci siano sempre funzionanti.
Ultima tra le iniziative promosse da questo gruppo è Il Ciclista Illuminato, invito ai ciclisti ad usare, e ad accendere, le luci la sera e di notte.

Bilancio 2013Concluse le relazioni dei coordinatori dei vari gruppi, è intervenuto Edmondo Strada, segretario amministrativo, il quale ha fatto la relazione relativa al bilancio 2012 ed illustrato ai presenti il bilancio preventivo 2013.
Il bilancio 2012 si è chiuso in attivo, l'assemblea ha approvato all'unanimità sia il bilancio consuntivo 2012 che quello preventivo 2013.

Votazione Bilancio 2013Ha chiuso le relazioni all'assemblea il presidente Eugenio Galli che ha fatto un bilancio delle attività svolte, anche quelle meno visibili e dei rapporti con la giunta Pisapia, con l'assessore Maran e gli altri assessorati che si occupano di mobilità, con la macchina comunale, in generale. Rapporti che vedono Ciclobby a stimolare (pungolare?)  affinchè si passi finalmente dalle molte promesse fatte a trasformazioni effettive e visibili della città. La Giunta si è dimostrata in questo anno emezzo di mandato un po' lenta nel recepire questo desiderio di cambiamento che non viene solo da Ciclobby ma anche da moltissimi cittadini.

Infine sono intervenuti alcuni dei soci presenti con domande relative ai rapporti con la Giunta, all'annosa diatriba bici sui marciapiedi SÌ/bici sui marciapiedi NO, a come rispondere a chi chiede piste ciclabili senza sapere nulla di ciò che riguarda mobilità dolce e sostenibile.

Alle 18.30 l'assemblea è stata sciolta ed i presenti hanno partecipato ad un aperitivo offerto dalla segreteria.

(Le foto sono di Maria Gabriella Berti)


Altre foto: http://www.ciclobby.it/cms/foto/foto-di-eventi-cittadini/gallery/55

Elezioni regionali 2013: candidati amici della bici in Regione Lombardia

Valutazione attuale:  / 1

Sta per avere termine una campagna elettorale che è stata giustamente da qualcuno definita "lunga e noiosa", nella stagione più buia della politica italiana degli ultimi decenni.

L'Italia ha la necessità forte di una nuova politica della mobilità sostenibile.
Fino ad ora, il nostro Paese ha fatto davvero poco; la distanza che ci separa dagli altri Stati del nostro continente è aumentata anche su questo fronte, determinando un ulteriore fattore di arretratezza (chiamiamolo, un "ciclo-spread") e rendendo penosi i confronti rispetto ai partner europei. Ma, quel che è peggio, la politica continua ad apparire incomprensibilmente distratta e distante, considerando che anche i programmi elettorali dedicano a questi temi, quando va bene, poche righe prive di visione e di strategia, relegandoli a una funzione puramente ornamentale. Eppure il cambiamento è urgente e non può attendere oltre.
Occorre una azione sinergica dal livello nazionale, a quello regionale e locale, e viceversa.

Leggendo i programmi dei vari partiti, è parso a molti come se, sui nostri temi, anche il 2012 fosse trascorso invano. Come se la nascita di un movimento "dal basso" rappresentato dalla campagna #salvaiciclisti, non fosse mai avvenuta. Come se gli Stati Generali della Bicicletta e della Mobilità Nuova a Reggio Emilia non si fossero mai svolti. Cioè, anziché far tesoro di esperienze, proposte e buone pratiche, che pure sono chiaramente emerse, si manifesta la perdurante tendenza all'oblio, alla rimozione.

Per cercare di sollecitare l'attenzione dei candidati e di tutte le forze politiche rispetto ad un tema di tale rilevanza, abbiamo contattato i candidati dei diversi schieramenti – anche per le elezioni del Consiglio regionale della Lombardia – sottoponendo loro un documento di proposte minime per una politica regionale della mobilità ciclistica.

Abbiamo contattato tutti i candidati presidenti (Albertini, Ambrosoli, Carcano, Maroni e Pinardi), ottenendo riscontri di attenzione solo dagli staff di Ambrosoli e di Pinardi.

Abbiamo poi attivato i contatti diretti con i candidati consiglieri dei diversi schieramenti: molti di loro ci hanno risposto positivamente e crediamo utile rendere pubbliche queste informazioni per consentire una valutazione diretta da parte anche di ciascun elettore interessato.
Questo anche in considerazione del fatto che, a differenza che nelle elezioni nazionali, per il Consiglio regionale è possibile esprimere il voto di preferenza ad un candidato, ed è anche ammissibile il voto disgiunto (ossia la possibilità di votare un candidato presidente ed esprimere una preferenza per un candidato consigliere di una lista che non fa parte della stessa coalizione).

Qui sotto abbiamo pubblicato l'elenco delle adesioni, con gli aggiornamenti via via pervenuti.

Ovviamente, nessuno di noi pensa di limitarsi a discutere di promesse elettorali, che spesso vengono dimenticate un istante dopo l'elezione.

Ma riteniamo indispensabile partire da un nucleo minimo di condivisione della visione, per cercare poi dei punti di riferimento per il vero lavoro che dovrà inevitabilmente seguire con gli eletti (sperando che le elezioni portino anche in questo una ventata di novità).

Buona riflessione e buon voto a tutti

Fiab Ciclobby onlus

 

E per il Parlamento? Al link qui a seguire, sul nostro sito nazionale, è pubblicato l'elencodei candidati che hanno sottoscritto il decalogo proposto dalla FIAB:
http://fiab-onlus.it/bici/attivita/varie/item/449-elenco-candidati-politiche.html

 

Lista Candidato Dichiarazione

LISTA CENTRO POPOLARE LOMBARDO

Bertani Milena

 Vedi allegato

LISTA CENTRO POPOLARE LOMBARDO

Marcora Enrico

 

LISTA CIVICA PER AMBROSOLI PRESIDENTE

Boitani Andrea

 Vedi allegato

LISTA CIVICA PER AMBROSOLI PRESIDENTE

Castellano Lucia

 Vedi allegato

LISTA CIVICA PER AMBROSOLI PRESIDENTE

Piccone Beniamino

Sul punto della mobilità sostenibile, credo che il programma di Umberto Ambrosoli sia molto chiaro: Mobilità ciclistica: Il Piano regionale delle piste ciclabili, unitamente ai piani provinciali, stimolare la realizzazione a livello comunale di reti ciclabili locali, per ampliare il bacino di captazione di stazioni e fermate del trasporto pubblico. Troppo spesso gli interventi nei comuni sono episodici e fini a se stessi, scollegati da una logica di rete, e soprattutto da una logica di intermodalità. Il censimento sistematico di quanto esistente dovrebbe essere fatto da province e regione, per individuare carenze e criticità e stimolare con diverse modalità i comuni ad intervenire. Non bastano le piste connesse a rete, ma si deve anche pensare a servizi di bike sharing, a posteggi sicuri per bici e altri servizi per i ciclisti in corrispondenza delle stazioni e delle fermate. Il piano della mobilità ciclistica regionale si è concentrato sulle grandi direttrici extraurbane per finalità turistiche e ricreative, trascurando quasi del tutto gli interventi nei centri urbani: è fondamentale recuperare il tempo perso in questo senso e programmare fin da subito significativi interventi per promuovere l'utilizzo della bicicletta in ambito urbano, trasformando la bicicletta in un elemento fondamentale del trasporto delle nostre città,incrementando i servizi e le strutture ad essa dedicate. 

LISTA DEL PARTITO DEMOCRATICO

Pizzul Fabio

 

LISTA DEL PARTITO DEMOCRATICO

Uguccioni Beatrice

L'Italia e la Lombardia hanno senza dubbio bisogno di una nuova politica di mobilità sostenibile e quindi inevitabilmente di investimenti significativi in quest'ambito, individuando le priorità. Leggendo la "Lettera aperta" mi ha colpito molto favorevolmente l'impostazione: unire la necessaria tutela della salute e dell'ambiente alla crescita economica credo sia la "chiave vincente", tanto più in un periodo di crisi come quella attuale. Nel merito della proposta, relativamente al punto 1) credo sia fondamentale operare in sinergia con i diversi Assessorati, prevedendo un giusto coordinamento, per evitare quello che spesso accade - soprattutto negli Enti pubblici - ossia che ognuno "vada da sè", senza una visione complessiva e quindi con il rischio di non raggiungere l'obiettivo prefissato e talvolta di "sprecare" risorse economiche e professionalità. Nel complesso, non ho dfficoltà ad impegnarmi rispetto alle richieste formulate nei 7 punti, anche perchè, nel piccolo - a partire dalla Zona - mi sono (e ci siamo) già attivati, rispetto ad alcuni temi come le "Zone 30" o il "Piano Urbano della Mobilità", con delibere ad hoc e in tal senso certamente mi farò promotrice di queste scelte anche in altra sede, in caso di elezione. Un caro saluto, Beatrice Uguccioni

LISTA ETICO-PER UN'ALTRA LOMBARDIA

Betta Elena

 

LISTA ETICO-PER UN'ALTRA LOMBARDIA

Di Stefano Andrea Giovanni

Abbiamo inoltrato ad Andrea Di Stefano la sua email e le proposte del coordinamento regionale FIAB.
I temi che lei porta all'attenzione di Etico sono aderenti al programma e alla visione della lista in generale e di Andrea Di Stefano in particolare, che sottoscrive pienamente e senza alcun dubbio il documento, impegnandosi fin d'ora a darne pubblica notizia e a sostenerli come punti programmatici.
La ringraziamo per aver portato all'attenzione del candidato queste precise istanze, che non erano ancora state dettagliate nei punti di programma ma appartengono a pieno titolo alla sensibilità di cui sopra.
Molte grazie
Francesca Luzzana

 

LISTA FARE PER FERMARE IL DECLINO

Pinardi Carlo Maria Achille

Grazie per averci coinvolti su un tema importante per noi quale quello della mobilità sostenibile, che fin dall'inizio è stato parte del programma elettorale FARE per la Regione Lombardia che a breve verrà diffuso.  Rispetto alle proposte da voi formulate, ci sentiamo di condividerne la maggior parte, con l'esclusione del primo punto in quanto non riteniamo utile creare ulteriori strutture amministrative (uffici): il tema della mobilità ciclistica è per noi parte integrante del tema della mobilità sostenibile, che deve comprendere mobilità ciclistica, mobilità pedonale, trazione elettrica e trasporto pubblico locale a emissioni zero, e quindi rientrare in pieno nei compiti dell'assessore alle infrastrutture e mobilità. E' invece certamente auspicabile come da voi suggerito un coinvolgimento degli altri uffici regionali (istruzione, turismo, sport) nel dare pieno supporto alle iniziative di mobilità sostenibile. Per quanto riguarda il punto 4 invece, riteniamo che possa rientrare nelle previsioni della legge urbanistica regionale (n.12/2005): i comuni devono redarre i nuovi Piani di Governo del Territorio. L'applicazione di questa legge già esistente è una questione di volontà politica, e non mancheremo di sollecitare i comuni sul punto. Vi ringraziamo nuovamente e ci auguriamo di avere ancora opportunità di confronto e collaborazione sul tema. Restiamo a disposizione per eventuali interviste telefoniche. Grazie.  Antonia Ronchei, Ufficio Stampa Carlo Maria Pinardi

LISTA FARE PER FERMARE IL DECLINO

Sassi Andrea

Mi chiamo Andrea Sassi, avvocato milanese e candidato al Consiglio regionale Lombardia di FARE per Fermareildeclino.  Condivido il Vostro programma e quanto da Lei descritto nella sua mail. Amo la bicicletta che tuttavia uso prevalentemente nei week end fuori porta. Ciò perchè purtroppo la mobilità su due ruote a Milano non è affatto sicura, anzi direi in molti casi davvero pericolosa. Anni fa fui vittima a Milano di un incidente (per fortuna senza gravi conseguenze) dovuto ad un mix di pavè bagnato, rotaia tram e poca considerazione da parte di un automobilista distratto. Credo che, come da Lei evidenziato, si debbano porre in essere una serie di misure per conseguire nel complesso una mobilità più sicura. (...)  Può trovare il mio profilo sui siti Internet www.farelombardia.it e www.andreasassi.it Un saluto cordiale, a presto. Andrea Sassi Candidato al Consiglio regionale Lombardia di FARE per Fermare il declino

LISTA ITALIA DEI VALORI

Gandolfi Luca

 Vedi allegato

LISTA MOVIMENTO 5 STELLE

Soffientini Ettore

M5S segnala il proprio interesse prioritario per la mobilità sostenibile e prende impegno di inserire nel programma politico i sette punti a favore della ciclabilità proposti da Fiab Ciclobby, per un effettivo riscontro pratico da attuarsi in tempi ragionevoli. Consapevoli degli effetti positivi che la ciclabilità urbana apporta alla mobilità, alla riduzione dell'inquinamento e in generale al benessere dei cittadini, riportiamo come esempio la mozione consigliare presentata lo scorso anno da M5S Milano per la realizzazione di una Rete Ciclabile Strategica ispirata all'esperienza  di Reggio Emilia. Pur avendo registrato il voto favorevole all'unanimità del Consiglio Comunale dobbiamo constatare che, ad oggi, non vediamo ancora riscontri pratici, neanche per le proposte simboliche e di più semplice realizzazione come una corsia ciclabile per il chilometro e mezzo di corso Sempione, il più ampio viale di Milano. M5S ha un programma politico nazionale e regionale coordinati con l'obiettivo di raggiungere una piena sostenibilità ambientale del sistema economico di cui la mobilità, siamo convinti, sia un punto nodale. Siamo oltremodo convinti che alle parole debbano seguire i fatti per cui rimaniamo disponibili a mantenere aperto un tavolo di lavoro permanente sul tema della mobilità ciclabile. Cordialmente. Ettore Soffientini - M5S Lombardia

LISTA MOVIMENTO LOMBARDIA CIVICA

Croci Edoardo

Naturalmente condivido le vostre richieste. Diverse cose sono già scritte nel programma di Albertini (es obbligatorietà PUMS) a cui ho collaborato per le parti ambiente e mobilità.

LISTA SINISTRA ECOLOGIA LIBERTÀ

Cremonesi Chiara

 

LISTA SINISTRA ECOLOGIA LIBERTÀ

Meiani Antonella

Sono una instancabile utilizzatrice della bicicletta (non ho più l'auto da due anni...) e nell'ambito della mia attività con i Comitati per Milano lavoro in stretto collegamento con l'amministrazione comunale per sviluppare, migliorare e progettare la mobilità su due ruote. Sono pienamente d'accordo con la vostra visione della mobilità sostenibile come tema 'trasversale' capace di facilitare il raggiungimento di obiettivi legati al lavoro, all'economia, all'ambiente, alla qualità della vita del cittadino come persona e come soggetto di aggregazione. La lista in cui mi candido è 'animata' da persone impegnate da sempre su tematiche ambientali e gli impegni programmatici elencati nel vostro documento mi sembrano un ottimo terreno su cui far convergere le energie politiche che spero daranno vita al nuovo Governo della Lombardia.
Contate su di me!
Un caro saluto.
Antonella Meiani

 

LISTA SINISTRA ECOLOGIA LIBERTÀ

Mezzi Pietro

 

LISTA SINISTRA ECOLOGIA LIBERTÀ

Molteni Massimo

 

 

Twitter

Infomobilità Milano

Gli avvisi sulla mobilità si fermano qui, per oggi. Torniamo attivi domani, dalle 7. Buona serata dalla Centrale Operativa di #Milano

by Infomobilità Milano