La Coperta Scucita: Sud Milano nuovi interventi - vecchie aspettative

Scritto da Super User Creato il .

Valutazione attuale:  / 1

SABATO 10 GIUGNO 2017

Con l'obiettivo di condividere conoscenza, riprendiamo una iniziativa che la nostra associazione aveva svolto già varie volte negli anni, con questa stessa etichetta, a partire dal 2009.

Dove sono le ciclabili a Milano? Come sono fatte? Quali i loro pregi e i difetti? Cosa c'è e cosa manca? Quali sono le possibili migliorie?

Lo scopriamo insieme, un pezzo per volta, attraverso un percorso che abbiamo chiamato, in modo un po' evocativo, "La coperta scucita".

Conduciamo i cittadini a riscoprire (o in qualche caso a scoprire) lo stato delle realizzazioni e gli avanzamenti dei progetti in corso. Andiamo a guardare e a commentare. Incontreremo quando possibile anche i comitati ed i Municipi per toccare "con ruota" la situazione della ciclabilità a Milano.

Convinti che vedere com'è, attraverso una conoscenza diffusa e un dibattito informato, aiuta a capire come potrebbe essere, riconnettendo i vari fili della coperta.

Il primo appuntamento del 2017 esplorerà il Sud Milano.

SABATO 10 GIUGNO 2017
ore 10.00 ritrovo in piazza Buozzi (corso Lodi)
ore 10.15 partenza sopralluogo

Percorrenza circa 20,00 km.

Punti di interesse:

ore 13.00 arrivo a Chiaravalle dove, negli spazi all'aperto messi a disposizione dall'associazione Koinè che gestisce il Mulino, pranzo al sacco con osservazioni e commenti su quanto visto e sperimentato, coordinati da tecnici della ciclabilità.

ore 15.00 incontro "Cogita et Labora" organizzato dall'associazione Koinè con intervento di FIAB Milano Ciclobby sul tema "mobilità e cultura" nel Parco Agricolo Sud Milano (v. programma allegato).

Rientro libero.

Per il rientro si consiglia il percorso
Ciclabile Chiaravalle - P.ta Romana (segnalata con il progetto #Bicittadini: http://www.ciclobby.it/cms/7-notizie/498-piccoli-bicittadini-crescono;http://www.fondazionecariplo.it/static/upload/qua/0000/qua_bicittadini_web.pdf)

nota: il tratto Nocetum - Chiaravalle è l'inizio percorso Valle dei Monaci http://www.valledeimonaci.org/it/

QR Code contro i furti bici a Milano

Scritto da Super User Creato il .

Valutazione attuale:  / 1

Da notizie di stampa, veicolate anche attraverso i social network, abbiamo appreso che in Comune si sta discutendo un progetto per l'identificazione antifurto delle bici mediante QR Code.

Tutto quello che serve a scoraggiare e contrastare i furti di bici va salutato favorevolmente.

In attesa di saperne di più, con maggiori informazioni sui contenuti e dettagli della proposta di cui non siamo stati sinora direttamente informati, ricordiamo che su questo tema, oltre alla scelta dell'hardware (lo strumento di riconoscimento applicato alla bici), un ruolo fondamentale ha anche il software, vale a dire il sistema nel quale vengono registrate le black list delle bici rubate: se il censimento è solo su un registro locale l'effetto deterrente è molto limitato.

Ribadiamo quindi quelle che, anche secondo la nostra Federazione nazionale (FIAB onlus), sono le linee guida per un'efficace lotta al fenomeno dei furti di bicicletta:

  • Prevenzione individuale del furto, con investimenti sul sistema antifurto (lucchetti ad arco, a catena, ripiegabili, con cavo rinforzato, ...) e accortezza nel legare.la bicicletta ad adeguati supporti
  • Aumento dell'intermodalità e delle possibilità di trasporto bici su mezzi pubblici
  • Miglioramento delle possibilità di ricovero organizzato delle bici (velostazioni, parcheggi condominiali o aziendali, rastrelliere efficaci che consentano di assicurare non solo la ruota ma anche il telaio)
  • Sensibilizzazione all'importanza delle denunce dei furti da parte delle vittime del reato, anche per rilevare maggiormente il fenomeno, consentendone un più accurato monitoraggio
  • Istituzione del registro identificativo delle bici rubate per favorire il recupero e scoraggiare l'acquisto di refurtiva.

Per quel che riguarda il registro identificativo biciclette, ecco la posizione di FIAB ONLUS:

  • Un servizio ad adesione VOLONTARIA,
  • Basato sulla tecnica di MARCATURA, o con dispositivi difficilmente rimuovibili
  • Che preveda l'utilizzo di un codice UNIVERSALE (da istituire, o già esistente quale il Codice FIscale)
  • La registrazione su una PIATTAFORMA DIGITALE NAZIONALE,
  • La marcatura tramite vari ATTORI TERRITORIALI
  • La consultazione gratuita da parte delle FORZE DELL'ORDINE.

Guia Biscaro (presidente FIAB Milano Ciclobby)

 

#CodiceDiSicurezza

Scritto da Super User Creato il .

Valutazione attuale:  / 0

 

Sulle strade Regole Nuove. Per la Sicurezza di Tutti

Troppi morti e feriti sulle strade. Inizia una nuova Campagna della FIAB, che si articolerà nel tempo con diverse iniziative.
Sollecitiamo l'approvazione della riforma del Codice della Strada.
E tu, cosa puoi fare? Un laccetto bianco sul tuo veicolo, una foto sui social, scrivi ai presidenti di Camera e Senato.

Leggi il testo completo della campagna sul sito della FIAB

Assemblea Nazionale FIAB 2017

Scritto da Super User Creato il .

Valutazione attuale:  / 0

Il 29 e 30 aprile si è svolta a Monza l'assemblea annuale della FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta.

Giulietta Pagliaccio è stata riconfermata Presidente nazionale per il terzo mandato.

Primo tra i temi dibattuti dai delegati delle oltre 130 associazioni aderenti, quello della sicurezza.

Molta preoccupazione è stata espressa circa il destino della legge-delega sulla riforma del Codice della Strada, che è ferma da più di due anni in Commissione Senato ed è appesa al filo della durata della legislatura.

L'Assemblea ha approvato per acclamazione una mozione sulla sicurezza, la Dichiarazione di Monza, che si rivolge alle istituzioni e che riguarda non soltanto i ciclisti, ma tutti gli utenti della strada.

Sul sito della FIAB è possibile leggere la Dichiarazione di Monza ed il comunicato stampa: http://www.fiab-onlus.it/bici/la-fiab/statuto-ed-organi-dirigenti/assemblea-nazionale/item/1702-assemblea-fiab-monza.html

Twitter